NBA Finals: Stephen Curry è magia, Warriors impattano sul 2-2

0
Getty Images

La gara-4 in programma questa notte è già decisiva per entrambe le squadre: con una vittoria i Celtics andrebbero sul doppio vantaggio, mentre gli Warriors con una W riuscirebbero ad impattare la serie e riprendersi il fattore campo.

Si parte subito forte con Tatum e Curry ad ispirare i rispettivi attacchi – sono già in doppia cifra poco dopo la metà del quarto – che, senza di loro, invece faticano. Wiggins da una parte e Robert Williams III dall’altra sono autori di giocate importanti e le due squadre sono sempre in equilibrio. La tripla di Grant Williams sulla sirena chiude il primo quarto con i Celtics avanti 28-27.

Ad inizio ripresa escono allo scoperto Poole e White che arrivano presto a 10 punti ciascuno, oltre alla crescita di Jaylen Brown in entrambe le metà campo. Tuttavia le numerose palle perse dei Celtics tengono in piedi i Warriors, finiti per ben due volte a -7. I falli iniziano a pesare – tre per Green, Brown e G.Williams – e Curry ne approfitta proprio sul terzo di Brown per segnare un and-one per il suo 19° punto personale. All’intervallo Boston guida 54-49.

Stephen Curry è una furia e mette 4 bombe una più incredibile (e contestata) dell’altra, mentre i Celtics con la garra rispondono colpo su colpo. Wiggins è in doppia doppia, bene anche Looney nel lavoro sporco; per Boston oltre al solito Tatum sale in cattedra Smart per tenere lì i suoi. A fine terzo quarto Warriors sorpassano sul 79-78.

Per evitare gli errori delle gare precedenti, Kerr panchina Curry per farlo riposare nei primi minuti e ovviamente questo pesa sull’attacco di Golden State, che però trova finalmente una tripla di Klay Thompson oltre a due canestri di Poole. Dall’altra parte però Jaylen Brown ha intenzioni serie e trova due canestri difficili che costringono Kerr al timeout sul -4 con ancora 7′ da giocare. Da quel punto in poi solo Golden State che chiude la partita con un parziale di 17-3: Wiggins lotta e trova due canestri fondamentali sotto canestro, al resto ci pensa Klay e soprattutto Stephen Curry assoluto re della partita. La stella dei Warriors termina con 43 punti e 10 rimbalzi una prestazione da annali: serie sul 2-2, si torna a San Francisco per una G5 che si preannuncia cruciale.

GOLDEN STATE WARRIORS @ BOSTON CELTICS 107-97 (SERIE 2-2)

GSW: Curry 43 (10 rimbalzi), Thompson 18, Wiggins 17 (16 rimbalzi), Poole 14, Looney 6 (11 rimbalzi), Payton II 5, Green 2, Porter jr 2, Bjelica.

BOS: Tatum 23 (11 rimbalzi), Brown 21, Smart 18, White 16, Horford 8, R.Williams 7 (12 rimbalzi), G.Williams 3, Pritchard 1.

MVP Basketinside: Stephen Curry