NBA Playoffs Inside: lunga vita al Re

Nella notte, Cleveland ribalta il 2-0 nella serie grazie a una super prestazione della propria stella, che mette in moto la squadra e la porta alla vittoria

di Raffaele Guerini

Dominio: c’è una sola parola per descrivere quanto avvenuto alla Quicken Loans Arena questa notte. Serviva una gran prestazione per ribaltare uno svantaggio di 2-0? Il pubblico dei Cavaliers è stato servito, come se la vittoria fosse il 13° assist di LeBron James, alla sua gente questa volta. Un James da 27 punti e 12 assist, ma non ci si limiti ai soli numeri: se si osservano gli highlights della partita, noterete una serie di passaggi da far girare la testa.

Di numeri però ci occupiamo, perciò ecco qualche dato: LeBron ha servito 12 assist, per 7 compagni diversi (pareggiando il proprio season-high di compagni assistiti). Non solo, dagli assist di LeBron sono scaturiti degli ottimi tiri: Cleveland ha tirato con 12 su 19 (una percentuale del 63,1%) dopo un passaggio finale di James. Ma anche senza gli assist di LeBron, i Cavs si sono creati dei gran tiri stasera: le triple non contestate mostrano uno score di 5/10, quando nelle prime due gare lo stesso era di 2/15.

Che l’attacco abbia fatto la differenza, in fondo, si è visto: tutti e 5 i titolari hanno chiuso la partita in doppia cifra, fatto già accaduto solo una volta in questi Playoff (Gara 4 contro i Toronto Raptors). I Cavs hanno comandato per 48 minuti, con i Celtics mai in vantaggio in tutta la partita e che hanno raggiunto uno svantaggio massimo di 30 punti. Il primo quarto, inoltre, si è chiuso sul più 15 per Cleveland: è successo altre 12 volte a LeBron di chiudere un primo quarto con un vantaggio di almeno 15 punti. Tutte e 12 le volte, la sua squadra è uscita dal campo vincitore a cronometri spenti. Segnaliamo anche la buona prestazione di Kevin Love, autore di una doppia doppia da 13 punti e 14 rimbalzi.

Poche indicazioni dalla parte di Boston per questa sera: i Celtics hanno avuto l’opportunità di diventare la terza squadra a portarsi sul 3-0 contro LeBron James, dopo i San Antonio Spurs del 2007 e i Golden State Warriors del 2017. Impresa fallita dai ragazzi di Brad Stevens, che però restano in vantaggio nella serie: il migliore in campo è sicuramente Jayson Tatum, con 18 punti (la sua media punti in questi Playoff è esattamente 18.1 punti a partita); la squadra però proprio non ha trovato le contromosse stanotte. 13 punti li aggiunge Rozier, 10 segna invece il tabellino per Brown e Monroe. Ma il maggior numero di rimbalzi catturati è solo 7, opera di Al Horford, mentre il migliore nelle assistenze è Marcus Smart con 6 assist.

Cleveland Cavaliers: James 27, Love 13, Thompson 10, Smith 11, Hill 11, Nance Jr. 8, Korver 14, Green 6, Clarkson 9, Osman 3, Zizic 2, Calderon 0

Boston Celtics: Tatum 18, Morris 9, Horford 7, Brown 10, Rozier 13, Baynes 7, Smart 7, Yabusele 1, Monroe 10, Ojeleye 2, Nader 2

Boston 106 – 116 Cleveland (17-32, 24-29, 22-26, 23-29)

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy