NBA Playoffs: Lillard clutch evita Gara 7, Portland al secondo round

0

Houston [email protected] Portland Trail Blazers 98-99 PORTLAND VINCE LA SERIE 4-2 lh6.googleusercontent.com “Mi chiamo Lillard, Damian Lillard“. È così che il play dei Blazers si è presentato alla sua festa di benvenuto nei playoff e, come James Bond, ha avuto licenza di uccidere; di uccidere la serie. Termina dunque qui l’avventura in Postseason dei Rockets di Harden e Howard, sicuramente rimandati ma con la chance di tornare più forti di prima tra un anno. Starting lineups invariate con i Blazers che partono forte, trascinati da 4 punti di Aldridge nel primo parziale della gara, portandosi sul 7-0 dopo appena 90 secondi. Harden però ha qualcosa da farsi perdonare e conducendo l’attacco riesce a far tornare i Rockets in parità, per poi mettere la freccia e sorpassare con la tripla a quota 12. Houston manda un messaggio e spinge sul +10, ma il finale di quarto di Lillard permette ai Blazers di trovarsi sul -1.  Il secondo periodo è molto spettacolare, con James Harden che continua ad essere molto aggressivo e viene ripagato andando spesso in lunetta. Portland però viene tenuta a galla da un Aldridge tornato sui propri (altissimi, anche grazie ai problemi di falli di Howard-Asik) livelli aiutato da Lillard. Houston in ogni caso va avanti alla pausa lunga, sul 58-56. Il terzo quarto prosegue sull’onda del primo tempo, con i Rockets che cercano uno strappo decisivo ma Aldridge e Lillard inseguono e impediscono che ciò avvenga. Nonostante questo Portland non riesce mai ad agganciare i texani, i quali entrano nel quarto periodo sul +1. Subito Portland passa con la bomba di Nic Batum, che dà via ad una vera e propria bagarre, alla quale partecipa anche Thomas Robinson che con 4 punti porta a 2 i possessi di vantaggio di Rip City. Arriva poi uno strano botta e risposta tra Howard e Lopez che segnano, uno dopo l’altro, per 2 minuti abbondanti, prima che DH prenda in mano i suoi e li porti nuovamente avanti. Lopez firma il controsorpasso, ma l’and-one di Howard mette i Rockets a +2 quando il cronometro dice 1:47 al termine. A 40” dalla sirena Portland esce dal timeout e Batum in pull-up fa 96-96. L’ultimo possesso Rockets va in mano ad Harden (come Lillard piuttosto freddo nel quarto periodo)il quale sbaglia in step back ma sul putback c’è un certo Chandler Parsons che va a portare Houston sul +2 a 6 decimi dalla fine. Portland chiama timeout, Houston ha un fallo da spendere ma, di tutto quello che poteva succedere (Lillard 0 punti nel quarto, fino all’ultimo possesso), succede questo:

sbnation.com/nba
Lillard esce dallo screen di Wes Matthews e mette un qualcosa di veramente inconcepibile, che lo consacra come vero e proprio predestinato di questa stupenda serie, vinta da Portland ma che poteva tranquillamente terminare in molti, moltissimi modi diversi (lo scarto medio nelle vittorie dei Blazers è 3.25 punti).  Portland avanza quindi al secondo round per la prima volta dal 2000, e dovrà aspettare l’esito della settima gara tra Spurs e Mavs per conoscere il proprio avversario. HOUSTON: Harden 34, Howard 26, Parsons 11. PORTLAND: Aldridge 30, Lillard 25, Lopez, Matthews 12.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here