NBA Playoffs: Miami continua la sua marcia, è 1-0

0
Channels News Asia

 

BROOKLYN NETS – MIAMI HEAT 107-86

Ancora imbattuti, ma stavolta la vittoria conta di più. Per l’avversario, per l’importanza della partita, perché finalmente è arrivata un’ottima risposta di squadra come apporto di punti all’avversario e non un semplice LeBron contro tutti, come invece troppo spesso coach Spo ci ha abituato. Gran parte del merito, forse, va attribuito alle scelte difensive di Kidd.
Si vede fin da subito, infatti, come l’ex play dei Nets abbia preparato un trattamento specifico solo per il Prescelto: Nel primo quarto, Livingston lo prende in consegna, ma Williams stringe verso di lui per l’aiuto; puntuale arriva il taglio alle spalle del difensore da parte di Rio Chalmers che servito con tempismo perfetto appoggia facili due punti (12-13). Poco attenta, comunque, la difesa dei Nets, come quando si fa sorprendere nel secondo quarto da Allen che taglia sulla linea di fondo: a nulla serve il recupero disperato di Plumlee. L’attacco dei Nets ha sempre gli stessi interpreti, e anche stavolta si parla di Deron Williams. A 4’50” dal termine, il play di Brooklyn sfrutta il blocco durissimo di Garnett su Allen per bucare il cambio di Bosh con un floater morbidissimo (29-36). James prova ad allungare col canestro del +11, ma i Nets reggono ancora e la tripla di Johnson servito da D-Will tiene sempre a contatto i suoi (40-42). Williams è caldissimo e mette la firma sul secondo quarto col buzzer beater da casa sua che vale il 43-46. LBJ banchetta nel terzo quarto sotto canestro, sfruttando il quintetto piccolo messo in campo da Kidd. Livingston in post non riesce proprio a limitarlo, come testimonia il doppio rimbalzo offensivo dopo una conclusione sbagliata proprio da James: il suo lay-up facile facile vale il 54-66. Al possesso successivo colpisce sempre il 4 volte MVP, stavolta sfruttando la scarsa opposizione di Anderson alla sua penetrazione. Il terzo quarto si chiude come il precedente: ancora D-Will, ancora da tre, ancora da casa sua. Agli ultimi 12′ si arriva sul punteggio di 66-79, con Miami che firma l’allungo che si rivelerà decisivo nel prosieguo della partita. Nell’ultimo quarto si rivede anche Birdman, che dopo 4′, prima stoppa, poi va a segnare il canestro del +15 Heat, ma cadendo poggia male il piede e rientra claudicante negli spogliatoi. Nulla di serio ad ogni modo. Solita uscita dai blocchi per Ray Allen, la palla di Cole è puntuale per il più grande tiratore dall’arco della storia della palla a spicchi, il risultato è retina che nemmeno si muove; questa tripla permette agli Heat di portarsi sul +19 (70-89), e coach Kidd decide di dare riposo ai suoi titolari; l’appuntamento è rinviato a domani notte: i Nets proveranno a ribaltare il fattore campo, gli Heat per confermarlo.

BROOKLYN NETS: Johnson 17, Pierce 8, Garnett, Livingston 9, Deron Williams 17, Blatche 4, Anderson 6, Kirilenko 5, Plumlee 2, Teletovic 5, Thornton 11, Gutierrez 2.
MIAMI HEAT: James 22, Battier 8, Bosh 15, Wade 14, Chalmers 12, Andersen 7, Allen 19, Cole 6, Lewis, Haslem 2, Douglas, Jones, Beasley 2.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here