NBA Recap: Dallas col brivido, CP3 firma la sua prima tripla doppia a L.A.

di La Redazione
www.fantasywired.com

Philadelphia 76ers-Houston Rockets 93-104 (19-32; 555; 74-79)
I Rockets restano ancora imbattuti dopo aver trionfato sul campo dei 76ers che, invece, non trovano ancora la prima vittoria stagionale. La gara resta in equilibrio per un tempo intero con i padroni di casa che riescono a restare in partita. Al rientro dagli spogliatoi, però, Houston comincia pian piano a prendere il largo guidata dal duo Harden-Ariza portando a casa la vittoria.

76ers (0-4): Wroten 20, McDaniels 14, Davies 13, Shved 12, Noel 10 (6 recuperi)
Rockets (4-0): Harden 35 (9 rimbalzi), Ariza 24 (6 rimbalzi e 7 assist), Canaan 13 (6 assist), Howard 11 (14 rimbalzi), Terry 8

Key Stat: I Rockets hanno dominato sia a rimbalzo (47 contro i 31 degli avversari) che negli assist (27 a fronte dei 19 dei Sixers).

MVP: James Harden con i suoi 35 punti è stato un fattore chiave per i Rockets che hanno, così, superato anche l’ostacolo 76ers. Inoltre, è stato quasi perfetto dalla lunetta (17/18 per lui).

Losing Effort: Non è stata una grande giornata per Terrence Jones che ha collezionato soltanto 6 punti tirando con un 3/11 dal campo in 30 minuti di gioco.
Brooklyn Nets-Oklahoma City Thunder 116-85 (32-19; 59-40; 85-62)
I Nets hanno schiantato davanti al loro pubblico i Thunder, I quali non sono mai stati in partita. Da subito Brooklyn impone il suo gioco prendendo 13 lunghezze di distanze nel solo primo quarto. Da lì la gara è terminata poiché i Nets hanno aumentato sempre di più il loro vantaggio sugli avversari andandosi a prendere la seconda “doppia V” stagionale.

Nets (2-1): Lopez 18 (6 rimbalzi), Anderson 18, Williams 17 (9 assist), Johnson 13 (6 rimbalzi e 6 assist), Bogdanovic 12
Thunder (1-3): Jackson 23, Jones 16, Telfair 16 (6 assist), Ibaka 15 (9 rimbalzi), Adams 9 (9 rimbalzi)

Key Stat: I Nets hanno tirato con un ottimo 52% dal campo e hanno perso solo 8 palloni, meno della metà dei Thunder che hanno chiuso con 17.

MVP: Brook Lopez è tornato alla grande dall’infortunio che lo ha costretto a star fermo per le prime due gare di regular season, mettendo a referto 18 punti e trascinando i suoi alla facile vittoria, nonostante i 3 falli nei primi 10′.

Losing Effort: Sebbene Jackson abbia siglato 23 punti, per lui non è stata una grande giornata al tiro (8/20 dal campo) e ha perso ben 7 palloni dei 17 totali dei Thunder.
Memphis Grizzlies-New Orleans Pelicans 93-81 (20-13; 40-33; 64-56)
Anche I Grizzlies restano ancora imbattuti grazie alla vittoria casalinga contro I Pelicans di Anthony Davis che non ha brillato come i precedenti match. La partita resta in sostanziale equilibrio per i primi due quarti, dopodichè Gasol si accende nel terzo quarto segnando in questa frazione di gioco 10 dei suoi 16 punti totali spezzando di fatto la gara.

Grizzlies (4-0): Gasol 16 (11 rimbalzi), Randolph 15 (11 rimbalzi), Prince 14, Allen 12 (11 rimbalzi), Conley 11
Pelicans (1-2): Evans 21 (7 rimbalzi), Davis 14 (8 rimbalzi), Gordon 11 (8 rimbalzi) Holiday 10 (6 assist), Anderson 7 (9 rimbalzi)

MVP: Marc Gasol ha realizzato una doppia-doppia con i suoi 16 punti e 11 rimbalzi ed è stato colui che ha fatto prendere un buon margine di vantaggio ai suoi Grizzlies sufficiente per portare a casa la vittoria.

Losing Effort: Nonostante Ryan Anderson sia quasi arrivato in doppia-doppia, per lui non è stata una delle sue partite migliori. Ha tirato, infatti con 2/14 dal campo, compreso un orrendo 0/7 dai 7,25.
Dallas Mavericks-Boston Celtics 118-113 (40-19; 67-41; 91-79)
Dallas tocca anche il +30 poco prima dell’intervallo. Poi, come successo anche nelle due gare precedenti, crolla nel terzo periodo subendo 38 punti. Bradley firma il career high ma fa 1/3 ai liberi sul 114-112, dopodiché Ellis appoggia il sottomano della (quasi) sicurezza sul +3. Jeff Green, autore di 35 punti, sbaglia la bomba del pareggio e Dallas vince col brivido una gara che sembrava chiusa dopo il primo quarto.

Mavs: Parsons 29, Nowitzki 27, Ellis 14, Harris 12, Chandler 10 (12 rimbalzi)
Celtics: Green 35, Bradley 32, Sullinger 14, Smart 7, Rondo 7 (9 rimbalzi e 15 assist)

Key Stat: 56 punti in due per Nowitzki-Parsons con 8/9 da 3.

MVP: Chandler Parsons. Ha messo 5 punti di fila per dare il 114-104, ma in tutta la partita ha sbagliato pochissimo chiudendo a quota 29 e 10/15 dal campo.
Denver Nuggets-Sacramento Kings 105-110 (22-19; 46-51; 77-79)
Partita combattuta, in tutti i sensi. Cousins a fine gara si è lamentato di aver preso tante botte (63 falli totali in questa gara) ma i Kings hanno vinto la loro terza gara di fila. Sul 96 pari McCallum segna un lay-up, dopodiché 8 tiri liberi consecutivi (3 a Casspi, 2 a Gay e 3 decisivi a Collison) hanno chiuso i giochi. Male Gallinari, 0/6 dal campo in 14′.

Nuggets: Afflalo 16, McGee 16, Chandler 14, Faried 10 (10 rimbalzi), Mozgov, Arthur e Robinson 10, Lawson 9 (12 assist)
Kings: Collison 21, Cousins 19, Gay 14, Landry 14, Sessions 13, Casspi 9

Key Stat: 40/47 ai liberi per Sacramento, contro il 28/33 dei Nuggets.

MVP: Nel giorno in cui Gay-Cousins tirano 10/26, Darren Collison si prende le sue responsabilità tirando solo quando serve e lo fa con estrema sicurezza. Decisivo il 3/3 ai liberi con 16″ da giocare,

Losing Effort: Ty Lawson. Nel giorno del suo 27esimo compleanno, Shaw aveva scommesso che ne facesse 27 in metà gara. Lui ne ha messi 9 con 1/8 dal campo. Almeno non si è intestardito a ha provato a lasciare la scena ai compagni con 12 assist.
Los Angeles Clippers-Utah Jazz 107-101 (26-20; 56-43; 73-70)
Chris Paul firma la prima tripla doppia in questa stagione NBA. Utah recupera 13 punti di fila e pareggia a quota 62. La gara rimane in bilico fino alla fine, ma i rimbalzi offensivi di Griffin e Jordan mettono la parola “fine” sulle speranze dei Jazz. Determinante come sempre l’apporto di Crawford (assente contro Sacramento) che, tra l’altro, taglia il traguardo dei 15000 punti in NBA.

Clippers: Griffin 31 (9 rimbalzi), Crawford 19, Paul 13 (10 rimbalzi e 12 assist), Bullock 12
Jazz: Hayward 27, Kanter 17 (9 rimbalzi), Burks 16, Booker 12

Key Stat: 14 punti in contropiede per i Clippers hanno dato la spinta per andare anche a +15, dal quale è difficile recuperare.

MVP: Chris Paul. Oltre alla sua prima tripla doppia assoluta con la maglia dei Clippers, ha segnato il canestro della sicurezza con 6″ sul cronometro.

Losing Effort: Le due guardie Burke-Burks hanno chiuso con 5/18 dal campo. Non può sempre fare tutto Hayward…

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy