NBA Recap Inside: partenza a razzo di Houston, OKC dura solo un tempo

NBA Recap Inside: partenza a razzo di Houston, OKC dura solo un tempo

La cronaca dell’impressionante gara 1 dei Rockets, capaci di annichilire i Thunder che pure avevano iniziato bene la contesa

di Domenico Laudando

Gara 1 (serie 0-1)

Oklahoma City Thunder @ Houston Rockets 87-118 (29-27; 54-59; 74-89)

Il varo della serie più attesa di questo primo turno di playoff ad ovest ha un solo officiante, e risponde al nome di James Harden, in totale controllo del ritmo-partita e, malgrado percentuali non irresistibili, top scorer per distacco della contesa.

Dopo un inizio tutto dei comprimari, in cui ”The Beard” e Westbrook preferivano attivare le mani insolitamente calde di Beverley e Roberson rinunciando alle sortite individuali, le due stelle iniziavano a lavorare per loro stesse verso la fine del primo periodo quando il tentativo di allungo di OKC ispirato da RW0 trovava risposta nei 4 punti conclusivi di Harden, e l’equilibrio non si spezza. La scarsa precisione nel tiro dalla lunga distanza dei texani veniva abilmente amministrata grazie al coinvolgimento dei bloccanti (talvolta Nene, talvolta Capela), serviti ripetutamente a seguito del pick&roll per canestri ad alta percentuale, con la solita area lasciata sgombra dalle difese preoccupate dalle insidie perimetrali della Houston di coach D’Antoni. Un parziale di 8-2 sul finire del primo tempo portava i padroni di casa a +5.

La grande difesa su Russell Westbrook, di per se sufficiente a dare un giudizio positivo sulla prestazione di Patrick Beverley, veniva corredata da una grande prova offensiva, culminata nelle due triple in serie che provocavano lo strappo decisivo nel cuore del terzo periodo. Il prodotto di Arkansas finirà in doppia cifra anche a rimbalzo, aspetto del gioco in cui i Thunder, primi nella lega, non sono riusciti a prevalere e anzi hanno dovuto soccombere e non di poco. Mentre Westbrook continuava ad essere braccato, i suoi principali delegati a farne le veci, ovvero Oladipo e Kanter non erano mai entrati in partita, e una volta che anche Lou Williams iniziava la sua serie offensiva il distacco si era dilatato all’inverosimile, creando le condizioni per 10 minuti di puro garbage time, utile a modellare il pesante passivo finale per coach Donovan e i suoi.

MVP Basketinside.com: Facile prevedere che, nel singolo episodio di questa serie, se vinceranno i Rockets il migliore sarà Harden mentre se avranno la meglio i Thunder sarà per merito di Westbrook. In questo caso i numeri della sfida nella sfida sono impietosi, e premiano nettamente James Harden, primo violino all’interno di una grande esibizione corale.

Thunder (0-1): Gibson 5, Roberson 18, Adams 6, Westbrook 22 (11 rimbalzi), Oladipo 6, Sabonis 4, Grant 10, McDermott 3, Kanter 8, Christon 5, Cole, Abrines.
Rockets (1-0): Anderson 4 (12 rimbalzi), Ariza 4, Capela 14, Beverley 21 (10 rimbalzi), Harden 37, Harrell 1, T. Williams, Nene 15, Brown 3, Gordon 8, L. Williams 11.

 

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy