NBA Recap Inside – Rockets ispirati, perdono i Pelicans, volano Cavs e Warriors

Pronostici rispettati nelle sei gare giocate nella notte in NBA: vincono Warriors e Cavs, i Rockets rovinano la prima a Cousins.

di Gianmarco Galli Angeli

La gara clou

Fonte foto: Curry official Twitter
Fonte foto: Curry official Twitter

Los Angeles Clippers @ Golden State Warriors 113-123 (24-31; 37-18; 26-50; 26-24)

I Warriors regolano i Clippers grazie ad una mostruosa prestazione nel terzo quarto, frazione nella quale la franchigia con base ad Oakland mette a referto 50 punti, contro i 26 degli avversari. Il primo tempo è all’insegna dei Clippers che all’intervallo lungo si trovano sopra di 12 lunghezze, grazie al + 19 di parziale del secondo periodo. Un risultato che metterebbe in difficoltà qualsiasi avversario ma non gli uomini di Kerr che, con quel quarto mostruoso, non solo rientrano in partita ma creano un distacco che i padroni di casa non riusciranno a ricucire. Brilla Stephen Curry che dopo l’ASG ne piazza 35, tirando con il 60% da dietro l’arco; ottima prova di Kevin Durant che oltre a 25 punti raccoglie 15 rimbalzi. Alla franchigia di Los Angeles non basta mandare in doppia cifra ben sei giocatori, i Warriors passano alla Oracle Arena.

Clippers (35-22): Mbah a Moute 2, Griffin 12, Jordan 17 (11 rimbalzi), Redick 12, Rivers 19, Crawford 19, Felton 13, Speights 8, Bass 9, W. Johnson 2, B. Johnson 0.

Warriors (48-9): Durant 25 (15 rimbalzi), Green 7, Pachulia 6, Thompson 18, Curry (35), McGee 4, Iguodala 8, McCaw 2, West 4, Livingston 8, McAdoo 4, Clark 2, Weber 0.

MVP: Stephen Curry. Dopo l’All Star Game il numero 30 dei Warriors continua a prendersi i riflettori con prestazioni deliziose.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy