NBA Recap Inside: tantissimi foto-finish ed una gara decisa da Giganti

Nella notte NBA ben quattro gare vengono decise negli istanti finali, una all’overtime! I Curry son tornati

di Davide Barbieri, @barbieridavidee

Le partite clou

http://www.sbnationradio.com/

Indiana Pacers @ Atlanta Hawks 97- 96 (19-30, 31-20, 31-24, 16-22)

Partita in mano saldamente ad Indiana che sembra pero’ poterla perdere con un quarto quarto non eccezionale: George e Robinson la decidono con un colpo di reni ed una tripla con appena sei decimi disponibili.
Sulla falsa riga del calcistico “goal sbagliato goal subito” sul tiro sbagliato di Hardaway Teague prende il rimbalzo, scatta prima di consegnare la palla a George per Miles che trova nell’angolino Robinson per la vittoria: “Io credo negli dei del Basket” aggiungerà a fine partita coach McMillan.
Seconda sconfitta consecutiva per Atlanta che spreca un vantaggio di sei lunghezze nei due minuti finali: questo fa ancora più rabbia in combo con la sconfitta contro Cleveland che ha comportato anche la sospsensione di Budhenholzer; Indiana vede uno spiraglio di luce dopo aver perso otto delle ultime dieci gare dimostrando di poter dire la sua.
Per gli ospiti brillano George con 34 punti Miles a 13 e l’ex della partita Teague che aggiunge 16 punti e 4 rimbalzi; Millsap per i padroni di casa raggiunge la doppia doppia con 23+10 mentre Howard rimane ad un singolo punto dallo stesso risultato, Hardaway condisce con 24 punti sprecando pero’ il tiro piu’ importante.

MVP: Paul George con 34 punti, 5 rimbalzi, 4 assist e 12-19 dal campo mette il carrarmatino sopra Atlanta.
Pacers(32-30): Young 4, Miles 13, George 34, Turner 5, Teague 16, Christmas 2, Seraphin 2, Jefferson 4, Stuckey 3, Robinson 11, Ellis 3.
Hawks(34-28): Millsap 23 (10 rimbalzi), Sefolosha 12, Bazemore 2, Howard 9 (14 rimbalzi), Schroder 18, Ilyasova 5, Prince 1, Delaney 2, Hardaway 24.

https://i.ytimg.com/vi/SlbVdG5HI9A/maxresdefault.jpg

Golden State Warriors @ New York Knicks 112-105 (29-18, 20-32, 35-26, 28-29)

Curry esce dalla palude delle ultime gare con 31 punti al Madison tacendo ogni possibile critica.
In un Madison “scioperante” Golden State ritrova la vittoria grazie agli splash brothers: Curry e Thompson contribuiranno con ben 60 punti totali a terminare la striscia di sconfitte, la prima in due anni di regular season!
La partita di per se non ha detto molto, GSW ha saputo destarsi dal letargo indotto dall’infortunio di Durant contro Washington come ha sempre fatto: creando tiri per i suoi due diamanti.
Per i padroni di casa brillano Rose, con 28 punti, e Porzingis in doppia doppia 24+15: Melo aggiunge 15 punti che non bastano ancora a riconquistare la sua gente.
Rimane un’unica certezza: NYC ha fame di basket.

MVP: Stephen Curry delude ogni titolista del pianeta pronto a scommettere sul fratello (autore di una grande gara a Dallas) con 31 punti 8 rimbalzi e 6 assist: he’s back. 
Warriors(51-11):
Green 13, Barnes 3, Pachulia 10, Curry 31, Thompson 29, West 7, McAdoo, Iguodala 6, McGee 5, McCaw 4, Livingston, Clark 4.
Knicks(25-38): Porzingis 24 (15 rimbalzi), Thomas, Anthony 15, Rose 28, Lee 5, Kuzminskas 4, O’Quinn 2, Hernangomez 8, Holiday 10, Baker 9.

https://i.ytimg.com/

Boston Celtics @ Phoenix Suns 106-109 (22-19, 20-30, 35-32, 29-28)

Una partita tra due franchigie “Giganti” decisa da due “giganti”: Isiah Thomas da una parte e Tyler Ulis dall’altra hanno saputo dare spettacolo sopratutto in un quarto quarto senza respiro.
Al layup di Bledsoe, che porta la partita sul 105-104 e 13,7 da giocare, risponde Thomas dalla lunetta con uno su due, tutto pronto: Bledsoe sfrutta la marcatura di Crowder per scivolare sotto, segnare e pareggiare106-106, sulla rimessa turn-over Boston e Tyler Ulis segna un’insperata tripla e agguanta la vittoria ai padroni di casa.
Rimane un’ottima partita di Boston che ha comunque dovuto rinunciare ad Al Horford e Bradley, con Crowder in doppia cifra e Isiah che si conferma macchina da punti con 35 e, curiosamente, 10-11 dalla lunetta: sarà quell’ultimo libero a concedere la rimonta a Phoenix; per i Suns note sempre più positive dal rookie Ulis che segna il secondo career-high in due game consecutivi, con 20 punti, l’immancabile Bledsoe e Booker condiscono il tutto.

MVP: Tyler Ulis si merita il titolo di MVP del match con 20 punti, 2 rimbalzi e 5 assist dopo aver scalato il minutaggio diventando di fatto la prima seconda scelta in casa Phoenix.
Celtics(40-23): Johnson 13, Jerebko 1, Crowder 16 (10 rimbalzi), Brown 14, Thomas 35, Mickey, Green 2, Zeller, Olynyk, Smart 11, Rozier 14.
Suns(21-42): Chriss 10, Warren 14, Len 8, Bledsoe 28, Booker 16, Williams 11 (15 rimbalzi), Jones, Dudley, Ulis 20, Barbosa 2.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy