NBA Recap Inside: Wiz espugnano Cleveland, Curry e Westbrook decisivi

Il riassunto della notte NBA.

di Ario Rossi
  • 23

I punti di vantaggio di OKC a fine primo quarto – 44-21 dopo i primi 12′ – ma alla fine i Thunder stavano per buttare via la vittoria. Ci ha pensato Westbrook a punire un’errata difesa di Temple, segnandogli in faccia la tripla della vittoria sulla sirena. Per lui tripla doppia, anche se con 4/14 al tiro (una sola tripla segnata su 6 tentativi, ed è quella decisiva) e 8 perse.

Oklahoma City Thunder @ Sacramento Kings 110-107

  • 44

I punti di Stephen Curry contro i Clippers. Per lui 6/8 da 2, un incredibile 8/11 da 3 e 8/8 ai liberi, il tutto condito da 10 assist e 6 rimbalzi. Per lui è la terza volta sopra i 40 in stagione. 10mila punti in carriera per Klay Thompson, ora nella top10 dei marcatori della franchigia della Baia.

Los Angeles Clippers @ Golden State Warriors 127-134

  • 32

I punti di Ben Simmons, contornati da 7 rimbalzi ed 11 assist. È career high per lui, che ha deciso la sfida con i Bulls grazie a due liberi (prima di quelli era a 4/8 nella partita) a meno di 6″ dalla fine; i Sixers erano sotto di 5 punti nell’ultimo minuto. Ottimo anche Embiid con 30 punti e 13 rimbalzi, nona doppia doppia consecutiva; inutili i 38 di Portis (altro career high) dalla panchina, il quale ha sbagliato il tiro della vittoria.

Philadelphia 76ers @ Chicago Bulls 116-115

  • 8

Le vittorie di Washington nelle ultime dieci gare, quelle senza John Wall. Satoransky ha chiuso con 17 punti, 8 assist e nessuna palla persa, non facendo rimpiangere il #2. Inutili i 32 con 12/14 da 2 per LeBron James, che ne ha segnati 14 di fila nell’ultimo quarto per provare a vincerla, ma senza successo.

Washington Wizards @ Cleveland Cavaliers 110-103

Zimbio.com

Le altre partite:

Brooklyn Nets @ Charlotte Hornets 96-111 (24 rimbalzi per Howard, season high)

New York Knicks @ Orlando Magic 120-113 (26 per il neoarrivato Burke, partendo dalla panchina)

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy