Portland batte Denver e conquista la terza vittoria consecutiva

0

I Portland Trail Blazers battono i Denver Nuggets col punteggio di 111-102, confermando il momento positivo per la squadra dell’Oregon. Aldridge e compagni sono a 3 vittorie e 0 sconfitte dall’inizio della stagione, nonostante il ritiro del leader Brandon Roy. Un risultato ammirevole per una squadra costretta a giocare in 8 causa problemi di infortuni e scelte tecniche. Ben 6 giocatori sopra i 30 minuti giocati, 3 sopra i 35. Qualcosa di particolare per i ritmi del basket moderno, devoto alle rapide sostituzioni e alle rotazioni infinite.

Il match inizia subito in discesa per i Blazers, grazie a un canestro con fallo di Gerald Wallace, che porta la doppia cifra di vantaggio ai suoi dopo soli 5 minuti di gioco. Denver prova la reazione grazie ai canestri di Lawson e Afflalo, ma non c’è storia e il primo periodo si chiude sul 30-17. Le cose invece cambieranno nella seconda frazione di gioco: Denver si sveglia e riporta il margine di distacco a soli sei punti grazie ai canestri e agli assists di un Andre Miller in gran rispolvero, contro la sua ex squadra. Portland prova a riportarsi considerevolmente sopra grazie all’asse Crawford-Aldridge, ma i canestri di Ty Lawson, dei quali uno nei pressi della sirena di fine periodo, tengono i ragazzi di Karl a galla. Nel terzo quarto le gerarchie tornano a pendere dalla parte dei Blazers: nonostante le bombe del già citato Lawson, dall’altra parte Matthews e Felton (altro ex di turno) dominano la scena. L’importante contributo di Marcus Camby a rimbalzo si fa sentire, così come la mancanza di un lungo nei Nuggets che possa limitare la potenza dell’ex Clippers. Infatti quando Nene si siede in panchina, Mozgov è troppo leggero, Andersen è un saltatore puro e non ha l’attitudine del rimbalzo, Harrington non è incisivo come dovrebbe sotto le plance e Danilo Gallinari non è assolutamente un lungo, nonostante sia utilizzabile come ala grande. L’ultimo periodo inizia con i Portland Trail Blazers sopra di 4 punti. L’ennesimo ex della partita, Rudy Fernandez, infila una tripla importantissima, che garantisce ai Nuggets il pareggio. Dall’altra parte Jamal Crawford mette a referto la sua unica tripla della partita. Come un vero cecchino, silenzioso per tutto il match, preciso quando conta. Un’altra tripla di Portland, targata Wesley Matthews, manda in visibilio il Rose Garden, che già vede la terza vittoria in altrettante partite disputate. Allo show dei canestri dalla distanza partecipa anche Ray Felton, che punisce la sua ex squadra mettendo a segno il canestro che mette la parola fine sulla partita. Il match si chiude sul 111-102 in favore dei padroni di casa.

Il migliore per i Nuggets è stato Ty Lawson, che dopo la crisi avuta allo Zalgiris sembra essersi ripreso totalmente. Per il playmaker ex North Carolina oggi 25 punti con 10/16 dal campo. Inoltre anche 4 rimbalzi, 3 assistenze e 8 recuperi. L’MVP della partita invece è stato Wesley Matthews, che ha segnato canestri decisivi per le sorti del match e ha chiuso con  25 punti conditi da 5 rimbalzi e 2 assists. Per l’ex Utah 60% dal campo, 62.5% da 3 e 100% in lunetta.

 Andiamo ad analizzare la prestazione di Danilo Gallinari: per il ragazzo di Graffignana continua il momento non positivo al tiro da fuori, che è iniziato in estate con la Nazionale, è proseguito con l’Olimpia Milano e ora si consolida in maglia Nuggets. Il Gallo ha chiuso con 0/5 dall’arco, 4/10 da 2 e 8/8 in lunetta. Percentuali inusuali per lui dal campo. È stato meno efficiente del solito anche a rimbalzo, dove solitamente da un contributo almeno sufficiente. Bene come sempre in difesa, ci mette molta grinta anche quando sbaglia o soccombe fisicamente (cosa davvero rara, visti i 208 centimetri di Danilo). Ben 35 minuti per lui in campo, partendo dallo starting five. Da notare anche le 2 stoppate subite, altra prova del fatto che l’ex Milano non è ancora al 100% fisicamente visti i problemi alla caviglia e alla schiena che si porta dietro da un bel po’ di tempo. Nonostante tutto è riuscito a collezionare ben 16 punti.

PORTLAND TRAIL BLAZERS 111-102 DENVER NUGGET S (30-17; 53-53; 83-79).

DENVER: Gallinari 16, Nene 10, Mozgov, Afflalo 19, Lawson 25 (10/16, 2/3 da 3, 3/4 tl), Harrington 8, Millet 13, Fernandez 7, Andersen 4, Brewer, Carroll DNP, Faried DNP, Koufos DNP.

PORTLAND:  Wallace 13, Aldridge 13, Camby 2, Matthews 25 (10/16, 5/8 da 3, 2/2 tl), Felton 23, Crawford 22, Thomas 7, Batum 6, Babbitt DNP, Johnson DNP, C.Smith DNP, N.Smith DNP, Williams DNP.