Focus on Kevin Love: il più grande talento bianco dai tempi di Larry Bird?

0

Giuseppe Frisina Per Dunk NBA 25.9 punti per partita, 13.9 rimbalzi per partita, 4.2 assist per partita ma soprattutto 31.2 punti EFF (dato che misura la reale incidenza di un giocatore), il più alto della NBA. Questi sono i numeri stratosferici di un ragazzone di 2,08 metri per 108 kg che sta dominando la lega: stiamo parlando di Kevin Love.

Selezionato con la quinta scelta assoluta dai Grizzlies nel 2008, fu subito coinvolto in uno scambio che lo portò tra le fila dei Minnesota Timberwolves. La sua stagione da rookie fu ottima: finì sesto nella classifica di Rookie of the Year con 29 doppie doppie fatte registrare in stagione, la sua specialità.

Nel 2010 in una partita contro i Knicks mette a referto 31 punti e 31 rimbalzi: l’ultimo a farlo fu Moses Malone, 28 anni prima. Proprio a Moses Malone, Love va a rubare un altro record che resisteva da circa trent’anni ovvero quello delle doppie-doppie consecutive, segnandone 53 in fila. Strepitoso in attacco, ottimo sotto canestro, tiratore eccellente sia dal campo che da fuori, rimbalzista eccezionale in molti lo paragonano a Larry Bird, la somiglianza c’è e si nota. Forse colpa del padre, che fin da piccolo, lo istruisce facendogli vedere dei video con i movimenti dei grandi giocatori, tra cui, appunto, Larry Bird. Nella stagione attuale, K. Love sta tentando di trascinare, a suon di mega prestazioni, i suoi TWolves ai Playoff. Ultima, ad esempio, quella contro i Clippers dove Kevin fa registrare 45 punti e 19 rimbalzi che però non basteranno a evitare la sconfitta per la sua squadra. La sfortuna di Minnesota è essere nella Western Conference dove con un record di 13-15 stanno faticando per un posto ai PO: nella Eastern sarebbero già in zona.

La stagione, comunque, è ancora lunga e i Timberwolves possono contare su una superstar come Kevin Love per strappare un posto per i Playoff e, chissà, magari anche il titolo di MVP dalle mani di King James. Un talento americano bianco così non si vedeva dai tempi di Bird.

Dunk NBAhttp://dunknba.wordpress.com/