Le 10 tecniche di tiro libero più bizzarre mai viste in NBA

0

Il tiro, in ambito cestistico, è un gesto più o meno armonico molto personale, che ha un unico fine: quello di fare canestro. Ci sono tecniche di tiro molto belle, gesti che possono essere definiti artistici nel senso proprio del termine (per esempio i tiri di Michael Jordan, di Kobe Bryant, di Ray Allen, di Stephen Curry, etc…) Poi ci sono tiratori efficaci ma meno ortodossi, basti pensare a Kevin Martin, a Matt Bonner, a Leandro Barbosa, etc… E poi ci sono tiratori più o meno ortodossi che, soprattutto a cronometro fermo, quando è un confronto diretto tra loro e il canestro, offrono spettacoli alle volte improbabili. Di seguito ne abbiamo raccolti 10. 10) Shawn Marion Giocatore sublime, ottimo difensore, noto a molti per la sua tecnica di tiro “piuttosto frettolosa” ma che gli ha comunque fruttato a gioco fermo un più che onorevole 80% totale in carriera. 9)Ronnie Brewer Tecnica di tiro rivedibile anche per l’ex Bulls e Jazz Ronnie Brewer. Nonostante ciò, quasi un onorevole 70% complessivo nei suoi viaggi in lunetta NBA. 8)Bill Cartwright Tecnica piuttosto bruttina anche per Bill Cartwright. Il nativo di Lodi (California, non Lombardia), ha comunque avuto un discreto 73% dalla lunetta. 7) Don Nelson Allenatore con più di 1000 vittorie nella lega, sicuramente i liberi era più bravo a insegnarli che tirarli…nonostante ciò, la sua maglia numero 19 sventola orgogliosamente sul soffitto del TD Garden. 6) Joakim Noah L’attuale centro dei Chicago Bulls ha sicuramente un tiro dalla media distanza molto particolare, ma comunque gli consente una discreta affidabilità a cronometro fermo (70%). 5) Anthony Mason

www.complex.com
Da poco scomparso, l’ex Knicks e Hornets preferiva tirare con una mano, e le percentuali gli hanno dato parzialmente ragione: circa 70% in carriera. 4) Jermaine O’Neal Comunque efficace (è arrivato all’80%), la tecnica di Jermaine O’Neal è tanto brutta quanto buffi sono gli astanti: dopo aver portato su il pallone, Jermaine ci mette circa due-tre secondi prima di rilasciare il pallone, spesso disorientando chi è pronto per il rimbalzo. 3) Wilt Chamberlain / Shaquille O’Neal I due centroni ex Lakers al numero 3: l’unico modo per fermare le loro scorribande vicino al ferro era cercare di fare fallo (e magari evitare che segnassero). Se fossero stati precisi pure ai liberi, probabilmente sarebbero nell’albo delle Divinità invece che nella Hall of Fame di Springfield. 2) Andris Biedrins Il Lettone col capello anni 80 in questo video fa 2/2, e, guardando come reagisce la folla, potete immagine quanto l’evento sia raro. Nella stagione 2010/2011, è riuscito ad ottenere un orrendo 11% ai liberi… 1) Chuck Hayes Giocatore prezioso in campo (centro undersize, roccioso difensore), questi due liberi veramente brutti sono al primo posto non solo per merito, ma anche per il commento di Allen Iverson “That’s a travel” scimmiottando un’ipotetica violazione di passi.   FUORI CLASSIFICA:  Rick Barry e Jamaal Wilkes Per quanto riguarda il primo, aveva il 90% ai liberi letteralmente “lanciando” la palla dal basso. Niente da dire sull’ efficacia, la tecnica magari non è stilisticamente delle migliori…Ma come dice Red Auerbach in questo video, “Do what is best for you. Do the way you can make it.” In poche parole, non importa quanto sia bello o brutto il tiro, l’importante è segnarlo!

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here