L’uomo della 15° settimana NBA – Jahlil Okafor

L’uomo della 15° settimana NBA – Jahlil Okafor

Il nostro riconoscimento settimanale NBA

di Fabrizio Martini
san antonio express news

 

In un’altra settimana pazza, in cui Harden continua a lanciar razzi verso ogni canestro NBA, i Golden State Warriors stanno gettando basi di dominio mentre il Re è ancora ai box e Kyrie Irving ci incanta, assistiamo alla parziale resurrezione di un giocatore che avevamo dato per spacciato: Jahlil Okafor, terza scelta NBA dopo Towns (Timberwolves) e Russell (ora ai Nets) al Draft 2015, è già alla sua terza squadra NBA: dopo esser stato spedito da Sixers e Nets, è arrivato a New Orleans col curriculum di un portaborse, ma offensivamente talentuoso. Questa settimana l’imperatore della Louisiana, Anthony Davis ha scoperto di essersi rotto un dito, mentre i suoi primi cavalieri, Julius Randle e Nikola Mirotic, hanno noie fisiche più o meno invasive; sotto canestro dei Pelicans dunque, si è ritrovato il buon Jahlil, che non ha affatto sfigurato. Nonostante siano arrivate 3 sconfitte e una sola vittoria, l’ex Duke ha messo insieme numeri interessanti:

  • vittoria contro Memphis, 20 punti, 10 rimbalzi, una stoppata e due recuperi in 35 minuti.
  • sconfitta contro Detroit, 17 punti, 10 rimbalzi e 6 stoppate (ma cinque perse) in 31 minuti.
  • sconfitta contro Oklahoma City, 18 punti e 8 rimbalzi in 25 minuti.
  • sconfitta contro San Antonio, 24 punti, 15 rimbalzi, un recupero e tre stoppate in 36 minuti.

In attesa del ritorno delle bocche da fuoco sotto canestro, Jahlil ha risposto presente, mostrandosi l’unica alternativa offensiva a Jrue Holiday. In difesa tuttavia, il suo vero, enorme problema, i numeri sono ancora altalenanti e da definire. Se non altro, nella metà campo offensiva, ha dimostrato di aver il potenziale tanto osannato al college.

Forza Jahlil, dimostra al mondo NBA che sai giocare, e non che sei un bidone.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy