Nba, Best of the Week – Settimana 8

0

imguol.com Ultima puntata del 2013 del Best of the Week. Settimana natalizia con grandi giocate e le solite vincitrici. Okc e Warriors dominano su tutte, mentre le squadre di New York e i Cleveland Cavs continuano a perdere. Ecco il pagellone settimanale: 10 – Christmas Day: nel bene o nel male, Natale è sempre Natale. Le partite del 25 Dicembre sono sempre state importanti per la stagione Nba. Grandi critiche per le maglie a mezze maniche sia da parte dei tifosi che da parte dei giocatori. Ad inizio stagione si pensava ci sarebbero state delle partite combattute, che forse sarebbero stati dei futuri scontri Playoff. In realtà molte squadre arrivano al giorno di Natale in grandissima difficoltà, ed infatti vengono sconfitte abbastanza facilmente dalle rivali. Anche gli infortuni hanno contribuito ad abbassare il livello delle partite, ma comunque le giocate spettacolari non sono mancate: http://www.youtube.com/watch?v=2YXMQJ8Cq4I 9 – Oklahoma City Thunder (record 25-5; 3-0 in settimana)miglior record della lega, e miglior gioco della lega. Okc non si ferma più e asfalta qualunque squadra. Nonostante l’infortunio di Westbrook sconfiggono i Rockets facilmente, e dimostrano di essere un grande gruppo. Durant sempre più dominante e Reggie Jackson grande sorpresa dell’anno. Riusciranno a continuare così?

bleacherreport.net
8 – Golden State Warriors (record 19-13; 3-0 in settimana)il rientro di Andre Iguodala è stata una botta di vita per la squadra, che ha decisamente cambiato marcia. La panchina continua a non dare un grandissimo contributo, ma con un leader come Stephen Curry i problemi si sentono meno. Proprio il numero 30 sta giocando da superstar assoluta, attualmente è il miglior playmaker della lega senza discussioni. Triple doppie, assist perfetti e tiri da ben oltre l’arco. Il giocatore ex Davidson College è inarrestabile. 7 – Orlando Magic (record 10-20; 2-0 in settimana): due partite e due vittorie, sembra quasi un miracolo per la squadra della Florida. Con la partenza in quintetto di Tobias Harris, la squadra sembra aver trovato il giusto equilibrio e gioca due buonissime partite, dimostrando di poter essere una squadra decisamente più competitiva di quella vista finora.
bleacherreport.net
6 – Minnesota Timberwolves (record 15-15; 2-0 in settimana)continua l’alternarsi delle prestazioni dei Wolves, questa settimana è una di quelle buone. Ancora una volta guidati da uno strepitoso Kevin Love, Minnesota vince due partite e porta il suo record esattamente al 50%. Da sottolineare il grande inizio di stagione di Nikola Pekovic che sta facendo vedere grandi cose, e sta decisamente onorando il suo nuovo contratto firmato in estate. 5 – Bynum Situation: il giocatore dei Cavs è stato inserito fuori rosa per via del suo atteggiamento che sta condizionando i compagni di squadra. L’ex Lakers ha dichiarato di non voler più giocare a basket. Andrew Bynum dopo le operazioni alle ginocchia non è più tornato il giocatore dominante di due anni fa e per questo sembra essere parecchio giù di morale. Cleveland aveva scommesso su di lui ad inizio stagione, ma ora sembra decisa a liberarsi del centro che verrà presto tagliato o scambiato con qualche altra franchigia.
dimemag.com
4 – Detroit Pistons (record 14-18; 0-2 in settimana)due incontri negativi per Monroe e compagni. Le sconfitte stanno iniziando a condizionare la stagione dei Pistons ed i suoi giocatori che non sono per nulla felici. In particolare Josh Smith ha avuto una discussione con il coach nell’intervallo di una partita, che lo accusato di non essere determinato a dare tutto in campo. Smith ha dichiarato di essere andato su tutte le furie poichè lui  ha sempre sognato di giocare a basket, ed ora che gioca ad altissimo livello non ha motivo per non essere determinato sul parquet. Insomma i problemi a Detroit non mancano e non sembrano poter essere risolti in tempi brevi. 3 – Infortuni settimanali: dopo l’annuncio da parte dei Nets che Brook Lopez salterà il resto della stagione, continua ad aumentare la lista di infortunati della lega. Russel Westbrook è stato rioperato e non rientrà prima dell’All Star Game. Al Horford, invece, ha una lesione pettorale, simile a quella già avuta negli scorsi anni; probabilmente Atlanta dovrà far a meno di lui per tutta la regular season, e forse anche per gli eventuali Playoff.
bleacherreport.net
2 – Denver Nuggets (record 14-15; 0-2 in settimana)la squadra sta attraversando un tunnel senza fine. I Nuggets non riescono a reagire e continuano a perdere. Faried ha dei problemi fisici e salta alcune partite, McGee non sembra vicino al rientro, mentre Gallinari ha aumentato l’intensità degli allenamenti e probabilmente rientrerà prima dell’All Star Game. 1 – New York Knicks (record 9-21; 0-3 in settimana)a quanto pare il problema non si chiama Carmelo Anthony. La sua assenza non ha portato alcun beneficio alla squadra della grande mela, che ha preso una batosta natalizia dai Thunder in un Madison Square Garden riempito di fischi di protesta, finora semplicemente meritati.
rantsports.com
0 – Cleveland Cavaliers (record 10-20; 0-3 in settimana): Irving è un grande giocatore, ma per il momento è tutto tranne che un leader. Segna 30, 40 punti ma la sua squadra continua a perdere.  I Cavs sono una delle squadre che ad inizio stagione venivano considerate tra le migliori della Nba, ma in questo inizio stagione sono emersi tutti i problemi del roster.   Ed ora i premi settimanali: MVP:  Kevin Durant (32ppg, 10.7rpg, 5.7apg): i Thunder devono far a meno del loro playmaker titolare? Nessun problema, Durant si carica la squadra sulle spalle e gioca da MVP. Non solo canestri realizzati, ma anche un totale controllo del gioco, coinvolgendo tutti i compagni ed aiutando la sua squadra ad essere la migliore della lega.
pagesay.com
Rookie of the Week: Victor Oladipo (15.5ppg, 9.5apg, 5.0rpg)non è il rookie con le migliori statistiche settimanali, ma i numeri non sono tutto. Oladipo non parte titolare, viene “retrocesso” in panchina e gioca decisamente meglio. Un sesto uomo di grande valore, che sta facendo vedere tutte le sue doti da playmaker, con quasi 10 assist a partita. Sorpesa della settimana:  Kyle Lowry (23.5ppg, 11apg, 6.0rpg): conduce i suoi Raptors ad umiliare per due sere di fila i Knicks, e viene esaltato dal pubblico del Madison Square Garden. Settimana da ricordare per il playmaker di Toronto, realizza quasi una tripla doppia, dimostrando di essere il leader dei nuovi Raptors, che però potrebbe presto lasciare. Honorable Mention: Blake Griffin (31.7ppg, 11.7rpg, 3apg)gioca sempre meglio ed ogni mese aggiunge qualcosa al suo gioco. Realizza 40 punti contro i Jazz ed entra a far parte ufficialmente dei giocatori più temibili della Nba. Attualmente è un top 5 nel ruolo di Ala Grande. Performance of the Week: Chris Bosh (37p, 10r, game winner 3pt vs POR): 100% da tre punti, l’ultima decisiva, allo scadere, che porta gli Heat alla vittoria sui più che positivi Blazers. Spesso viene dimenticato dietro a Wade e Lebron, ma anche lui dimostra di essere una superstar. No Lebron? No problem! Infine, la top 10 della settimana Nba!

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here