NBA Preview – Pacific Division

NBA Preview – Pacific Division

Siamo quasi al termine delle presentazioni per la stagione NBA in arrivo: oggi parliamo di Pacific Division, che ha avuto interessanti sviluppi in estate

di Raffaele Guerini

Los Angeles Lakers

lakeshowlife.com
lakeshowlife.com

Roster LAL

#0 – Kyle Kuzma (F)

#1 – Kentavious Caldwell-Pope (G)

#2 – Lonzo Ball (G)

#3 – Josh Hart (G)

#4 – Alex Caruso (G)

#6 – Lance Stephenson (G)

#7 – JaVale McGee (C)

#10 – Svi Mykhailiuk (F)

#11- Michael Beasley (F)

#14 – Brandon Ingram (F)

#15 – Moritz Wagner (C)

#17 – Isaac Bonga (G)

#21 – Travis Wear  (F)

#23 – LeBron James (F)

#40 – Ivica Zubac (C)

#9 – Rajon Rondo (G)

Movimenti in Pre Season

IN

Moe Wagner – Draft, Isaac Bonga – Draft, Rajon Rondo – Free Agent, Kentavious Caldwell-Pope – Free Agent, LeBron James – Free Agent, Svi Mykhailiuk – Draft, Lance Stephenson – Free Agent, JaVale McGee – Free AgentMichael Beasley – Free Agent

OUT

Luol Deng – Free Agent, Malik Newman – Free Agent, Andre Ingram – Free Agent, Brook Lopez – Free Agent, Channing Frye – Free Agent, Gary Payton II – Free Agent, Isaiah Thomas – Free Agent, Julius Randle – Free Agent, Travis Wear – Free Agent, Tyler Ennis – Free Agent

Non sono i Lakers dello Showtime di Magic, ma l’aria che si respira a Los Angeles è sicuramente piena di entusiasmo. È dal ritiro di Kobe Bryant, una figura iconica in maglia gialloviola, che non si aveva una stella di calibro mondiale a roster, fatto che aveva relegato i Lakers nelle basse zone della classifica negli ultimi anni. Poco male: la conseguenza più rosea è stata la possibilità costruire una squadra formata di giovani decisamente promettenti. Kyle Kuzma, selezionato a fine primo giro nel 2017, potrebbe vedere il titolo di Steal of the Draft scivolare via solo a causa della concomitante esplosione di Donovan Mitchell a Utah: parliamo di una 23esima scelta che ha saputo infilare numeri ottimi per un rookie (16.1 punti e 6.3 rimbalzi di media a partita). Lonzo Ball ha vissuto un anno travagliato: fisicamente ha avuto dei problemi e l’impatto mediatico del suo arrivo non ha reso facile l’inserimento nel contesto NBA, ma le potenzialità per fare bene ci sono tutte. Brandon Ingram, ex scelta n°2 al Draft, è chiamato alla consacrazione: i numeri sono buoni ma la continuità deve sicuramente migliorare per portare i Lakers sul gradino più alto possibile.

Questo sogno, ora, passa tutto per le mani di un uomo: al momento il più completo giocatore della Lega. Inutile girarci intorno, il suo approdo a Los Angeles rende i Lakers una contender per il titolo. Come mai? Perché è un leader naturale, sia dentro che fuori dal campo e sa rendere migliori i giocatori attorno a lui: un giocatore dal fisico scultoreo e le mani delicate, specie quando si tratta di assist. L’Ovest è una Conference complessa: Houston e Golden State sulla carta sono molto meglio equipaggiate dei Lakers, che avranno bisogno di trovare i meccanismi giusti per competere ad alti livelli. A maggio, nelle Finals di Conference, una tra Lakers, Golden State e Rockets non sarà presente: al momento, i Lakers sono gli sfavoriti. LeBron arriva però da 8 NBA Finals consecutive e non ha intenzione di interrompere la striscia positiva. L’acquisizione di giocatori esperti nel corso dell’estate rende Los Angeles una squadra assolutamente da seguire, perché è ancora difficle capire quanto lontano potranno andare i gialloviola: se c’è LeBron al comando, tuttavia, il cielo è il limite.

W – L: 50 – 32

Probabile Quintetto: Lonzo Ball – Brandon Ingram – LeBron James – Kyle Kuzma – JaVale McGee

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy