Vite da Draft '14 – Andrew Wiggins, il predestinato

0

Fonte: http://www.donbleek.com Il 23 Febbraio 1995, a Thornhill (Canada), nasce uno dei prospetti più interessanti degli ultimi anni per la Nba: Andrew Wiggins. Nato in una famiglia di grandi atleti, con la madre Marita Payne atleta olimpica e il padre Mitchell Wiggins ex cestita Nba, fin dal suo approdo nell’High School (prima alla Vaughan Secondary School e poi alla Huntington Prep School) dà l’impressione di essere un predestinato, uno di quelli che nasce una volta ogni 20 anni almeno. L’High School

Wiggins ai tempi dell’Huntington Prep School
Dopo i primi due anni per ovvi motivi senza essere molto sotto la luce dei riflettori, appena passato alla Huntington Prep School, cioè al terzo anno di Liceo, l’America inizia a seguirlo con un occhio di riguardo, a tal punto che viene selezionato per il Nike Hoops Summit (i miglior atleti Under 19 di tutto il mondo) a nemmeno 18 anni. Nell’ultimo anno di High School il suo fisico inizia inevitabilmente a crescere, il che inizia a dargli un’ulteriore arma a servizio del suo talento; talento che viene premiato alla fine di quell’anno con Naismith Prep Player of the Year, destinato al miglior giocatore del campionato liceale, e del titolo di Mr. Basketball Usa dall’ESPN. NCAA: Kansas Jayhawks http://youtu.be/OI-92Zxce6g   Finita l’High school, si iscrive all’Università del Kansas, partecipando al campionato NCAA con la maglia dei Kansas Jayhawks. La sua stagione nel campionato universitario americano è stata ricca di alti e bassi: mostrava lampi di talento immenso, tanto da scatenare paragoni illustri come quelli con L.James, K.Bryant, T.McGrady, ma aveva anche diversi passaggi a vuoto, a causa sia della rigidità del gioco NCAA, sia per le altissime aspettative che aveva sulle spalle, anche per la rivalità con l’altro grande talento J.Parker. Votato Freshman of the Year della Big 12, la prestazione più esaltate della sua carriera NCAA è stata l’ultima partita di Regular Season contro i West Virginia Mountaneers, dove si la sua squadra perse 92-86, ma lui fece ben 41 punti. Draft ’14
Draft ’14, Wiggins viene scelto dai Cleveland Cavaliers
Il finale di quella stagione è deludente, i Kansas Jayhawks non vanno avanti nel torneo, anche a causa dell’infortunio di Joel Embiid, centro camerunense anche lui in orbita Nba. Molti in america si aspettano che il talento canadese scelga di rimanere ancora un altro anno a Kansas, ma non è così: Andrew si dichiara eleggibile per il Draft 2014 e così, il 26 Giugno, viene chiamato con la Prima scelta assoluta dai Cleveland Cavaliers. L’inaspettata trade e il passaggio ai Minnesota Timberwolves Nel mese successivo però, il mercato Nba è scosso dai numerosi Free Agent e proprio uno di questi, il più importante se vogliamo, cambia la storia di questo ragazzo: L. James decide clamorosamente di non firmare con gli Heat ma di tornare a “casa”, a Cleveland. A quel punto quindi la dirigenza dei Cavaliers si trova in mano il cestista più decisivo della lega e deve prendere un’importantissima decisione: tenere Wiggins e A.Bennet, Prima scelta assoluta dello scorso anno, e aspettare la loro crescita e definitiva maturazione guidati da Lebron, oppure avere più possibilità di vincere subito cedendo i due talentuosi cestisti in cambio di giocatori più affermati e pronti per fare dei Cavaliers una squadra da titolo già nell’immediato? Il GM David Griffin opta per la seconda ipotesi, così da vita all’ormai famosa trade che porta ai cavaliers K.Love e ai Minnesota Timberwolves una Prima scelta futura, A.Bennet e proprio Andrew Wiggins, che così entra nella storia come il 3° cestista ad essere scambiato subito dopo essere stato chiamato con la Prima scelta al Draft. Una scelta che per il futuro di Wiggins forse si rivelerà anche ottimale, visto il maggior spazio e la minor pressione che evidentemente ne ricava da questa trade. Caratteristiche tecniche e fisiche Alto 203 Cm per 91 Kg, Wiggins, negli ultimi anni di High school e nell’anno in NCAA, ha mostrato di avere innanzitutto un enorme talento; il ragazzo nativo di Thornhill ha mostrato fin dagli inizi della sua carriera di avere quel qualcosa in più in termini di personalità, carattere e “talento puro”. A ciò va aggiunto che la neo ala piccola di Minnesota ha un fisico che andrà si sviluppato per reggere i contatti con i grandi difensori della lega (immaginiamo, per esempio, se il buon Andrew si dovesse trovare a scontrarsi con D.Howard), ma che è già pronto per dire la sua fin da subito, grazie alla notevole esplosività nel primo passo, che lo ha reso letale soprattutto nelle penetrazioni e nei rimbalzi. Grazie a queste sue caratteristiche fisiche, unite a un’ottima determinazione in ogni partita, è anche un ottimo difensore. Da migliorare ha sicuramente tanto, come il tiro da oltre l’arco e la continuità, ma il potenziale di questo ragazzo è davvero enorme. Non ci resta che aspettare: fra qualche anno sapremo se Andrew Wiggins sarà l’ennesimo crack mancato del basket o la nuova stella della National Basketball Association.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here