Baylor-Kansas, un anticipo del Tournament

0

#10Baylor-#5Kansas era una sfida nella quale Baylor si giocava una n.1 nel tabellone del Tournament mentre Kansas il titolo della Big XII e la partita non ha tradito le attese.

I Jayhawks partono forte e grazie a 10 punti di Christian Braun si trovano sul +13 con 8′ 23” sul cronometro dando l’impressione di poter controllare la partita.

A quel punto però la macchina si blocca ed i Bears, sospinti dall’energia sempre profusa dal britannico Jeremy Sochan che questa volta aveva i capelli in tinta con le scarpe gialle fluo, con un parziale da 10-0 si riportano sotto chiudendo il primo tempo con 1 solo punto di differenza.

www.tepigeek.com

Subito ad inizio ripresa dopo che un altro paio di contatti non erano stati fischiati ai suoi ragazzi (in quel momento la situazione liberi era 8-0 per Baylor), coach Bill Self cerca ed ottiene un fallo tecnico per cercare di scuotere la squadra e dare un segnale agli arbitri.

Purtroppo per lui i 18 punti realizzati nella ripresa da Ochai Agbaji (chiuderà con 27+6) non sono sufficienti ed i Bears lentamente ma inesorabilmente prendono il controllo chiudendo la partita 80-70.

www.kusports.com

Per Kansas chiudono in doppia-doppia sia Braun (17+10) che David McCormack (10+13) ma la squadra ha dimostrato che le rotazioni limitate ed il 70% in stagione ai liberi sono fattori pericolosi nelle partite punto a punto.

Soprattutto se Remy Martin, quinto anno transfer da Arizona State e dotato di molta autostima visto che per due volte si è dichiarato e poi ritirato dal draft NBA, non si dimostra il sesto uomo che serviva (-24 nel +/- delle partite contro squadre del ranking).

Dopo aver perso per la stagione Thchamwa Tchatchoua per la rottura dei legamenti ed avere LJ Cryer day-to-day con un problema ad un piede anche i campioni in carica devono fari conti con una panchina corta.

Ma fino a quando l’attacco sarà così equilibrato da avere 6 giocatori con almeno 9 punti e Sochan rimarrà quello di oggi sotto entrambi i canestri per Baylor la strada per un posto nelle Elite Eight sembra spianata.