NCAA 2016/17 Scouting Report – Donovan Mitchell

0

Donovan Mitchell

Shooting guard – Louisville Cardinals – Sophomore

Altezza: 191 cm – Peso: 91 kg

DOB: 07/09/1996

HS: Brewster Academy, New Hampshire

 

Scouting report

Pros:

Atletismo

Seppur non dotato di una stazza notevole per il ruolo, questo giocatore dispone di un’esplosività fuori dal comune, che lo rende un atleta di primissimo livello. Inoltre possiede un’apertura alare ben maggiore della sua altezza (quasi 210 cm) che lo agevola sia in situazioni offensive che difensive.

Meccanica di tiro

Le percentuali al tiro si possono sempre migliorare ed il miglior modo per farlo è quello di partire da una tecnica solida e ben definita. E questo è proprio il suo caso: la sua meccanica ha veramente poco da invidiare a quelle dei migliori cecchini NBA e, se avrà la voglia di passare ore ed ore a lavorarci su, potrà diventare certamente un tiratore solido e affidabile.

Difesa

Sempre per merito del suo incredibile atletismo, il punto di forza di questo ragazzo è certamente la sua abilità difensiva. La sua rapidità, unita ad un’ottima mobilità ed alle lunghe leve, gli permette di marcare giocatori di vario ruolo sia dentro che fuori dall’area.

 

Cons:

Mano debole

Una lacuna da non sottovalutare è il suo scarso (e di poca qualità) uso della mano sinistra; in queste due stagioni, infatti, ha sempre incontrato grandi difficoltà contro difese atte a negare l’uso della mano forte. Deve certamente allenarsi con la mano debole se non vuole diventare un giocatore prevedibile e facilmente difendibile.

Decision making

Altro problema che spesso si è presentato è il suo mediocre talento nel prendere decisioni offensive: spesso commette dei palesi errori nella scelta del tiro, altre volte pecca nella capacità di trovare il compagno meglio posizionato. Di certo la maturità aiuterà sotto questo aspetto.

Percentuali dal campo

Ne abbiamo già parlato prima: la sua meccanica di tiro è molto buona, ma al momento non produce risultati eccelsi, né da due né da tre punti; in particolare il 46% dei tiri nel pitturato necessita di essere alzato e non poco, ma anche il 35% dai 6 metri e 75 lascia abbastanza a desiderare.

 

Draft stock

I due anni alla corte del mostro sacro Rick Pitino, oltre che averlo migliorato molto tecnicamente e tatticamente, potrebbero fungere da attrattiva per molte franchigie; inoltre la sua grande abilità difensiva, caratteristica che si vede ben poco in NBA, fa ulteriormente alzare le sue quotazioni. Nel migliore dei casi potrebbe essere scelto a fine zona lottery, ma più probabile è una chiamata nella seconda metà del primo giro.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here