NCAA – Game winner di Nico Mannion, sorride Arizona

I Wildcats superano in volata Pepperdine. Prestazione magistrale del nativo di Siena.

di Andrea Indovino, @Andreaind3

Partiamo dalla fine, come è obbligatorio fare in questi casi. Pari 91 tra Arizona e Pepperdine, Nico Mannion riceve palla a 7” dal termine della contesa. La point guard dai capelli rossi parte spedita verso canestro. Coast-to-coast. Una prodezza incredibile, un canestro in penetrazione, tocco morbidissimo appoggiando al vetro di mano destra i punti 92 e 93, decisivi per la vittoria.

Il go to guy dei Wildcats colpisce ancora: l’azzurro dipinge pallacanestro, chiude con 16 punti (5/12 al tiro, 4/5 ai liberi) ed 11 assist in 31 minuti. Mannion corona con la prodezza a 2″ dalla sirena finale, una prestazione solida, e dimostra che sul parquet è molto più di un freshman alle prime armi. Gestione dei possessi, timing eccellente, letture offensive da far invidia anche a playmaker del ‘piano di sopra’. Insomma, un frullato di forza, esplosività, e grande talento. Nico da Siena dimostra ancora una volta di essere un predestinato.

Arizona sale 7-0, ruolino di marcia immacolato. Ma quanta fatica nel battere Pepperdine, Università non di primo grido, ma con sede nell’invidiabile Malibù. Ad Anheim, Arizona oltre a Mannion si serve di Josh Green (24 punti) e di Zeke Nnaji, lungo che esplode – tanto per cambiare – una doppia doppia da 16 punti e 11 rimbalzi. Curiosità, tutti e 10 gli starter in campo chiudono in doppia cifra: per Pepperdine, 61 punti distribuiti tra Kameron Edwards, Skylar Chavez e Colbey Ross.

La parità del primo tempo (42-42) è spezzata dal parziale dei Wildcats che provano a prendere il largo nel secondo tempo grazie alle triple di Green e alle invenzioni del ‘nostro’ Mannion. Pepperdine però non abdica, e se la gioca – sorprendentemente – fino alla fine, al culmine di una gara che vede 24 parità e 13 lead changes. Ma quando il supplementare sembra materializzarsi, tutti cedono all’idea di giocare i 5′ aggiuntivi, tranne il nostro portabandiera, che mette tutti d’accordo con la magia finale. Palla nelle sue mani sapienti, tutto il campo di corsa, layup, splashhhhh.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy