NCAA, Second Round: Zion salva Duke, avanzano UNC e Vols

NCAA, Second Round: Zion salva Duke, avanzano UNC e Vols

I Blue Devils vincono con fatica, Tennessee soltanto al supplementare. Chi convince è invece North Carolina.

di Andrea Indovino, @Andreaind3

IOWA – TENNESSEE 77-83 (OT)

Tennessee la vince due volte, perchè nel primo tempo in scioltezza scollina la doppia cifra di vantaggio e sembra poter amministrare senza difficoltà la gara, poi però spegne clamorosamente la luce e consente il ritorno di Iowa. I Vols dilapidano addirittura un +25, per ritrovarsi negli ultimi 3′ in parità: con Admiral Schofield (19) in panchina senza un motivo nei momenti clutch della gara, è Grant Williams (19 punti, 7 rimbalzi, 5 rimbalzi, 4 palle recuperate e 3 stoppate) a condurre i suoi verso il sentiero del successo. canestri pesanti li trova anche Jordan Bone che chiude con 14 punti. Per Iowa c’è tutto lo starting five in doppia cifra, guidato dai 18 di Jordan Bohannon.

WASHINGTON – NORTH CAROLINA 59-81

Dopo Iona, UNC batte in scioltezza anche Washington ed accede alle Sweet 16 come la squadra che finora è riuscita ad impressionare maggiormente per qualità di gioco. L’asse play-pivot White-Maye funziona a meraviglia. La point guard è mortifera dall’arco dei 3 punti, e mette un paio di canestri pesanti nel primo tempo che consente ai Tar Heels di allungare. Chiude con 17 punti con 6 su 11 dal campo. Il centro, invece, scrive 20 punti e 14 rimbalzi. Washington è spazzata via, non è praticamente mai in partita, ed il -22 finale rispecchia i valori in campo: 12 punti di Nowell, 10 di Dickerson e poco altro per gli Huskies.

CENTRAL FLORIDA – DUKE 76-77

Quanta fatica per Duke per sbarazzarsi di Central Florida, ma dal finale punto a punto sono i Blue Devils a festeggiare: sotto di tre punti, dopo una tripla fallita a 30’’dal termine della gara, Zion Williamson trova la giocata della speranza con canestro e fallo commesso dal gigante senegalese (229 centimetri) Tacko Fall. Sull’errore dalla lunetta, RJ Barrett è il più sveglio di tutti e trova il rimbalzo offensivo e appoggia al tabellone il canestro del sorpasso a 8’’. Una grande UCF, con timeout e ultimo possesso, si ferma al jumper fallito da BJ Taylor e soprattutto alla mancata deviazione di Dawkins. Il pallone danza sul ferro ma non ne vuole sapere di entrare. Per i Knights, che escono a testa altissima dal campo, ci sono i 32 punti di uno scatenato Dawkins, i 15 di Fall e quelli di Taylor. Per Duke il miglior realizzatore è un super Williamson con 32 (e 11 rimbalzi) poi ci sono i 16 di Barrett, con quest’ultimo non precisissimo al tiro (6/15).

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy