Torneo NCAA, il primo turno si completa non senza sorprese!

0

di Massimiliano Zanotti e Alessandro Elia

Dopo le pazzie della prima giornata, nella seconda i valori di forza si sono più o meno ristabiliti ma non senza brividi.

#3Kansas ha vinto di 11 punti ma fino a metà del secondo tempo Eastern Washington sembrava potersela giocare, poi un parziale da 14-3 in 3 minuti ha dato ai Jayhawks il vantaggio che hanno mantenuto fino alla fine. Decisivo per i ragazzi di coach Bill Self è stato il ritorno di David McCormack che ha realizzato 22 punti, quasi tutti nella ripresa mentre per gli Eagles non è stata sufficiente la prestazione dei fratelli Tanner e Jacob Groves che hanno messo a segno rispettivamente 35 e 23 punti.

#4Florida State-UNC Greensboro è stata una partita pazza dal basso punteggio vissuta di parziali. Dopo 7 minuti con i Seminoles avanti 23-7 la partita sembrava già decisa ma gli Spartans non mollano e raggiungono il pareggio sul 29-29 ad inizio ripresa. A quel punto FSU apre un altro parziale e si porta avanti di 10 per essere nuovamente raggiunta sul 51-50 con 4’42” sul cronometro ma a quel punto UNCG smette sostanzialmente di segnare e la partita finisce 64-54.

Il sogno di Georgetown viene interrotto da una concreta #5Colorado che prende il controllo della gara nei primi minuti e non lo perde più grazie ad una incredibile prestazione di squadra che dei 39 canestri realizzati ne ha avuti ben 27 assistiti. Per gli Hoyas Qudus Wahab va in doppia-doppia con 20 punti e 12 rimbalzi mentre per i Buffaloes sono da evidenziare i 24 punti dalla panchina di Jabari Walker ed i 13 assist di McKinley Wright IV cui aggiunge 12 punti e 5 rimbalzi.

Come pure quello di St.Bonaventure che l’RPI aveva messo per 2 settimane consecutive al n.1 ed il NET aveva posizionato al 23° posto, finisce al primo turno contro #8LSU. Dopo 10 minuti l’incontro era 8-7 ma a quel punto i Tigers mettono la marcia alta ed aprono un gap che i Bonnies non riescono più a chiudere; da evidenziare la sostanziale assenza delle panchine che mettono a segno complessivamente 6 punti: 5 per LSU e solo 1 per St.Bonaventure.

#1Michigan controlla la partita fin dalla palla a due e come ci si poteva immaginare non ha il minimo problema a superare una Texas Southern che esce comunque a testa alta dopo aver “vinto” il secondo tempo di 2 punti. Senza la star Isaiah Livers che ha un problema ad un piede i Wolverines mettono in doppia cifra 4 giocatori del quintetto tirando col 48% dal campo anche se dovranno limitare le palle perse perchè al secondo turno 14 potrebbero essere troppe.

Nella più bella partita di questo inizio di giornata #5Creighton riesce a superare UCSB solo perchè con pochi secondi sul cronometro e sotto di 1 punto, Amadou Sow riceve un passaggio in area e fisicamente contrastato prende un tiro dallo smile che esce dopo essere rimbalzato sul ferro. In una partita dove il vantaggio massimo è stato di 7 punti, il miglior giocatore dei Bluejays non è stato l’All America Marcus Zegarowski che comunque ha chiuso con 17 punti bensì Christian Bishop che ha realizzato una doppia-doppia da 15+11.

Questa volta Rick Pitino con la sua Iona non riesce a sorprendere la #2Alabama come fece nel 1987 con Providence ed i suoi Gaels lottano fino alla metà del secondo tempo quando non riescono più a sopperire alla pessima giornata da 3pti che li vede chiudere 5/23. Per i Crimson Tide buona la prestazione di Herbert Jones che chiude con 20 punti e tutti i giocatori che hanno giocato almeno 10 minuti hanno preso almeno 3 rimbalzi.

#6USC-Drake è una partita dai 2 volti con un primo tempo molto tirato ed una ripresa dove i Trojans sfruttano la difesa a zona per costringere i Bulldogs ad un terribile 6/34. Per USC i fratelli Mobley fanno ancora la differenza con Isaiah che chiude con 15 punti tirando 6/7 con 5 canestri dal pitturato ed Evan che invece mette a segno 17 punti col 48% dal campo. Joseph Jesufu di Drake è il miglior marcatore della partita con 26 punti realizzati grazie ad un 6su11 da 3pti.

Nessun problema per la #1Gonzaga che demolisce Norfolk State senza troppi complimenti. I 98 punti realizzati sono il massimo per i Bulldogs in un torneo NCAA, e il +43 finale (98-55) risulta essere lo scarto più largo dopo il +44 di Villanova contro Oklahoma nelle Semifinali del 2016. Gonzaga aggiorna la sua striscia record a 27 partite. Per Corey Kispert serata da 23 punti (15 nel solo secondo tempo). I Bulldogs vanno ai sedicesimi di finale per il 12°anno consecutivo, solo Kansas ha avuto una serie migliore (14).

Nella sfida tutta targata BIG12, la #8Oklahoma ferma la #9Missouri. Gara equilibrata al Lucas Oil decisa nel finale in favore dei Sooners guidati dai 16 punti (6/10 dal campo, 1/1 da 3) dello Junior Elijah Harkness uniti ai 23 (10/12 ai liberi) del Senior Austin Reeves.

Vengono subito eliminati i detentori del titolo. La #4Virginia (campione nel 2019) viene sconfitta dalla #13Ohio. Per la 4° volta i campioni uscenti perdono al primo turno dal 1985, cioè da quando il torneo si è espanso a 64 squadre. I Cavaliers si uniscono a Indiana nel 1998, UCLA nel 1996 e UCONN nel 2012. La marcia di avvicinamento di Virginia al Torneo è stata tormentata dalla quarantena che ha impedito ai Cavaliers di allenarsi come avrebbero dovuto fino all’immediata vigilia della partita contro Ohio. I Bobcats vincono con un mini allungo nel secondo tempo e portano tre uomini in doppia cifra: Vander Plas 17, Roderick 15, Jason Preston 11.

Trascinata dai 24 punti e 6 rimbalzi di Luka Garza, #2Iowa liquida Gran Canyon. Finisce subito al primo turno l’avventura di Alessandro Lever nel Torneo. Per l’Azzurrino una gara importante con 33’, 13 punti e 6 rimbalzi.

Altro upset del primo turno lo mette a segno la #11UCLA che sorprende la #5BYU. Bruins avanti di 11 all’intervallo e poi chiamati a gestire il gap nella ripresa contro i Cougars ai quali non riesce la rimonta. Serata da ricordare per Johnny Juzang che mette a segno 27 punti. Il sophomore di UCLA è il terzo giocatore nella storia dei Bruins a segnare almeno 20 punti in ognuna delle partite del torneo (ne aveva segnati 23 nel first four contro Michigan State) raggiungendo Lew Alcinidor e Reggie Miller. Nel successo di UCLA anche i 16 punti dello jr. Jules Bernard. Nella copertina del primo turno finisce Abilene Christian.

La #14 Abilene Christian fa fuori la #3 Texas, un risultato che manda così ben 4 squadre con almeno il #13 ai sedicesimi di finale. Un record assoluto nella storia del Torneo NCAA. Lo jr. Joe Pleasant e il sr. Coryon Mason chiudono la partita con 11 punti. Decisivi due liberi dello stesso Pleasant a 1” dalla fine. Un 2/2 dalla lunetta che permesso ai Wildcats di operare il sorpasso e centrare il clamoroso successo ai danni dei Longhorns.

Anche la #10Maryland piazza il colpo buttando fuori la #7Uconn. I Terrapins comandano le operazioni nel primo tempo (33-22) e conducono in porto la gara. Eric Ayala ne mette 24, 14 punti per Aaron Wiggins.

Non si è giocata Oregon-VCU per problemi legati al protocollo Covid19 da parte dei Rams. La #7Oregon così accede direttamente al 2°turno.

Questi tutti i risultati della notte:

Colorado (5) – Georgetown (12) 96-73 Florida State (4) – UNCG (13) 64-54 Kansas (3) – Eastern WA (14) 93-84

LSU (8) – St. Bonaventure (9) 76-61 Michigan (1) – Texas Southern (16) 82-66 Creighton (5) – UCSB (12) 63-62

Alabama (2) – Iona (15) 68-55

USC (6) – Drake (11) 72-56

Iowa (2) – Grand Canyon (15) 86-74

Uconn (7) – Maryland (10) 54-63

Virginia (4) – Ohio (13) 58-62

Oklahoma (8) – Missouri (9) 72-68 Gonzaga (1) – Norfolk State (16) 98-55 BYU (6) – UCLA (11) 62-73

Texas (3) -ACU (14) 52-53

Oregon (7) – VCU (10) non disputata


Sintonizzati e guarda tutte le azioni del basket collegiale su 
ESPN Player usando il nostro link http://bit.ly/ESPNBasketinside

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here