Torneo NCAA, terzo turno: notte del 24/03 – Sognano FGCU e La Salle, ok Miami e Duke

0

South – San Diego State Aztecs (7) – Florida Gulf Coast Eagles (15) 71-81

Non molti fan della NCAA conoscevano Florida Gulf Coast prima dell’inizio del torneo. Presentatasi come la classica squadra per la quale è già un grande risultato esserci, gli Eagles hanno clamorosamente fatto fuori al primo turno Georgetown, una delle favorite alla vittoria finale, e stanotte hanno bissato: battuta con un’altra splendida prestazione San Diego State per 71-81 e Sweet 16 raggiunte per la prima volta nella loro storia. Per GFCU il top scorer è stato Bernard Thompson con 23 punti, mentre Sherwood Brown ha impressionato anche stavolta per la sua solidità e concretezza, chiudendo con 17 punti e 8 rimbalzi. Agli Aztecs, invece, non è bastata la doppia-doppia di Jamal Franklin, autore di 20 punti e 11 rimbalzi. Dopo un primo tempo giocato sul filo dell’equilibrio, gli Eagles sono usciti benissimo dagli spogliatoi, giocando un’ottima pallacanestro che ha permesso loro di piazzare un mortifero parziale di 0-17, grazie al quale sono scappati sul 52-71 a 4’ dal termine. 

San Diego State: Stephens 10 pt, O’Brien 2 pt, Thames 3 pt, Franklin 20 pt e 11 rim, Tapley 17 pt, Rahon 12 pt, Shepard 2 pt, Spencer.
Florida GCU: Thompson 23 pt, Brown 17 pt e 8 rim, McKnight 9 pt, Fieler 11 pt, Comer 10 pt e 14 ass, Varidel 11 pt, Murray, Graf, Cvjeticanin. 

West – Ole Miss Rebels (12) – La Salle Explorers (13) 74-76

Continua la corsa di La Salle, al suo miglior torneo NCAA dal 1955 ad oggi. Nella partita tra le due squadre che nel secondo turno si sono rese protagonista degli upset contro Kansas State e Wisconsin, ad avere la meglio sono stati gli Explorers, che si sono imposti in volata per 74-76. L’incontro è stato molto tirato, come testimoniato dagli 11 cambi al comando: Ole Miss ha pagato caro il non aver segnato nemmeno un punto negli ultimi 2’, passando dal +2 al -4 finale. Dopo i liberi del pareggio segnati da Tyreek Duren (19 punti), Marshall Henderson (21) non è riuscito a riportare avanti i Rebels, che sono stati beffati proprio a 2 secondi dal termine, a causa di un layup vincente di Tyrone Garland (17 punti). Il top scorer del match è stato Ramon Galloway, trascinatore di La Salle con 24 punti. 

Ole Miss: Holloway 14 pt e 13 rim, Buckner 7 pt, Henderson 21 pt, Summers 12 pt e 6 ass, Williams 10 pt, White 5 pt, Perez 2 pt, Brutus 2 pt, Millinghaus 1 pt.
La Salle: Wright 8 pt, Galloway 24 pt, Duren 19 pt, Peterson, Mills 8 pt, Garland 17 pt, Brown, Dunn. 

Miami Hurricanes (2) – Illinois Fightin Illini (7) 63-59

Con tanta sofferenza Miami riesce ad imporsi per 63-59 su Illinois ed a raggiungere le Sweet 16 per la seconda volta nella loro storia. Decisivo uno Shane Larkin sugli scudi, che nel momento più importante ha piazzato una bomba, grazie alla quale gli Hurricanes hanno sorpassato (57-55) ad un minuto dal termine. Nei secondi finali la truppa di coach Larranaga è stata impeccabile dalla lunetta, mettendo in cassaforte la vittoria. Il top scorer del match è stato Rion Brown con 21 punti, frutto di ben 5 triple, mentre Kenny Kadji ha contribuito con 10 punti e 8 rimbalzi. Ad Illinois, invece, non sono bastati i 18 punti di Brandon Paul e la doppia-doppia di Nnanna Egwu, autore di 12 punti e altrettanti rimbalzi. 

Miami: Kadji 10 pt e 8 rim, Gamble 2 pt, Larkin 17 pt e 5 ass, Scott 6 pt, Jones 3 pt, Brown 21 pt, Johnson, Jekiri 4 pt.
Illinois: McLaurin, Egwu 12 pt e 12 rim, Paul 18 pt, Richardson 5 pt, Abrams 8 pt, Griffey 12 pt, Bertrand 4 pt, Henry. 

Midwest – Duke Blue Devils (2) – Creighton Bluejays (7) 66-50

La squadra di Mike Krzyzewski avanza alle Sweet Sixteen dopo una bella vittoria sui Bluejays. McDermott  si scontra contro la tenace difesa dei Blue Devils e tira 4/16 dal campo, anche se riesce ugualmente a collezionare 21 punti e 9 rimbalzi. 21 punti (ma con un più positivo 5/9 al tiro) anche per Rasheed Sulaimon. Con 5 punti di Sulaimon Duke parte più forte dell’avversaria e prova ad incrementare il proprio vantaggio. McDermott tuttavia entra in partita e con 8 punti in fila firma il controsorpasso. Con le triple di Sulaimon e Thornton Duke va comunque avanti al termine del primo tempo (29-23). È stavolta Seth Curry, con 9 punti consecutivi, a fare le prove tecniche di fuga. Il canestro di Amile Jefferson successivo alla striscia di Curry vale la prima doppia cifra di vantaggio per Duke (43-32 al 30’). Ci pensano poi, tanto per cambiare, gli stessi Curry e Sulaimon ad ampliare lo scarto.

Duke Blue Devils: Kelly 1, Mas. Plumlee 10, Curry 17, Cook 7, Sulaimon 21, Thornton 8, Hairston, Jefferson 2, Murphy, Mar. Plumlee.
Creighton Bluejays: McDermott 21, Echenique 9, Gibbs 8, Manigat 2, Chatman 7, Wragge 3, Dingman, Johnson, Olsen, Yates, Groselle, Artino, Stormberg.