Basket Opportunity – La vita a canestro/4 – Couri Glen, “Il miglio verde”

0

Questa volta vi voglio raccontare la storia di Couri Glen. “Il miglio verde” questo è il soprannome che gli hanno dato a Veroli dove solo dopo un paio di giorni è diventato subito un cittadino onorario della città. Ragazzone di 200 cm grosso da far paura ma con un cuore altrettanto grande. Couri Glen ha sempre avuto un talento naturale ed innegabile determinazione, ambita da duro lavoro e dedizione , alcuni dicono che era destinato al successo . Per questo imprenditore e filantropo il basket è iniziato presto ed gli è subito venuto facile: ” Posso ricordarmi a giocare a basket sul retro della porta della mia camera da letto con la pallina morbida e un cerchio di plastica , mi ricordo la rottura di innumerevoli cerchi cercando di praticare dunk muove “, dice Couri . Tale persistenza lo ha portato ad avere un offerta per  un contratto di due anni con l’ Italia semi-professionistico ma per svariati motivi poi questo sogno non siè potuto realizzare. Couri ha cominciato a Nottingham High School di Syracuse New York , per poi continuare a Morrisville College, che ha portato alla sua prima apparizione semi-professionistica con la NFBL e Rock Streetball Allstarz . Lì, ha dimostrato di essere un favorito del girone con il suo gioco sopra al cerchio e l’estrema tenacia ha guadagnato il rispetto dei suoi colleghi e avversari . “Ho avuto un enorme picco di crescita a 13 anni che mi ha reso in grado di giocare a basket nel seminterrato della casa dei miei genitori e alla fine il playground. Lì, la mia taglia mi ha costretto a giocare con i ragazzi più grandi. Mi ha alimentato e mi sono scoperto “, dice Couri . Anche se un infortunio lo ha fatto stare fuori quest’anno , Couri ha usato questo come una motivazione per avviare una organizzazione per responsabilizzare i giovani. Kids Against The Streets ( KATS ) caro al suo cuore , visto che anche lui era un giovane tormentato con scarse risorse. “Anche se il mio amore per il gioco è stato molto intenso e ho sognato a lungo e duramente per diventare professionista, ho incontrato un sacco di difficoltà a casa e sull’asfalto . Insieme con trofei , ho avuto lezioni che posso insegnare alla prossima generazione di sognatori “, dice Couri . Couri riferisce che la sua priorità è ora la sua salute , la famiglia e dare indietro tutto qello che il Basket gli ha regalato . Per saperne di più su Couri Glen e i progressi della sua organizzazione consultate il suo profilo su Facebook o seguitelo su  su Twitter . Un’altra storia di oltre oceano….. Sicuramente sentiremo ancora parlare di lui magari non come giocatore ma come allenatore o general manager della sua organizzazione sicuramente…

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here