“GiveMe5”: Albicy fa il fenomeno in ProA, Pleiss incanta in ACB

0

 

Andrew Albicy ( Fonte: www.sports.fr)

Un francese, uno sloveno, un americano, un israeliano e un tedesco. Nazionalità variegate per questo numero di GiveMe 5, nel solito, arduo, tentativo di provare a comporre il nostro fatidico quintetto ideale. Ma, scopriamo, chi sono i componenti per questa settimana:

Playmaker – ANDREW ALBICY ( Paris – Levallois), già inserito qualche settimana fa nel nostro quintetto ideale, trattasi di un talento cristallino, dotato di ottimi mezzi tecnici e di un’eccellente visione di gioco. Forse sprecato in ProA, ma ad onor del vero ci ha messo anche del suo per restare sempre nel limbo tra un ottimo giocatore e una stella. Ha dalla sua, però, ancora la giovane età (compirà 24 anni a Marzo) e una consolidata esperienza, anche in campo europeo. Per Andrew, abbozzo di tripla doppia nel match agevolmente vinto dai suoi contro il modesto Le Havre: per il nativo di Sevres, 13 punti messi a referto, 6 rimbalzi catturati e ben 12 assistenze scartate per i compagni. Numeri che gli sono valsi un ottimo 28 di valutazione finale.

 

Guardia – ZORAN DRAGIC ( Unicaja Malaga), un ciclone nel turno infrasettimanale di Eurolega, che ha visto gli andalusi di coach Plaza prevalere in casa su un Fenerbahce ancora a secco di vittorie in queste Top 16 e chiamato adesso all’impresa contro l’imbattuto Panathinaikos, per non veder svanire anzitempo l’obiettivo ( minimo) dichiarato dei play-off nella massima competizione continentale. Tra le fila dell’Unicaja, ottime le prestazioni di Stimac (10 punti e 8 rimbalzi per il serbo e la sensazione che abbia notevoli margini di miglioramento), bene anche Suarez, Toolson e Granger, ma la palma di MVP del match se la prende il fratellino di Goran, che infiamma, grazie alle proprie pennellate mancine e ad una straordinaria ferocia agonistica il pubblico della Martin Carpena, chiudendo l’incontro con 24 punti messi a referto, 2 rimbalzi e 3 assist per i compagni.

Ala Piccola – DESHAWN SIMS ( Galil Gilboa), devastante in Winner League, nonostante il Galil Gilboa di coach Drucker cada contro un più cinico Maccabi Tel Aviv, trascinato dalle notevoli prestazioni di Devin Smith e Alex Tyus. Per il numero 4 del Galil, con all’attivo anche esperienze in Corea del Sud e Libano, prestazione da vero e proprio all -around, che racconta di un match da 28 punti ( con 11/16 da 2), 11 rimbalzi e 2 assist, per un eccellente 34 di valutazione finale.

Ala Grande – LIOR ELIYAHU ( Hapoel Jerusalem), Gerusalemme che continua la sua marcia in vetta alla Winner League, passando anche sul campo dell’ Hapoel Holon, trascinata da uno straordinario Eliyahu. Per l’ex Maccabi Tel Aviv doppia doppia da capogiro ( 25 punti e 15 rimbalzi), un rebus per i lunghi di coach Lubin, grazie ad una tecnica sopraffina, a due mani da pianista e ad una sconfinata sapienza tattica. Giocatore bizzoso e a volte irriverente, ma sul talento c’è poco da dire, per anni è stato uno dei migliori numeri 4 d’Europa.

Centro TIBOR PLEISS ( Laboral Kutxa Vitoria), eh già, la dirigenza del Baskonia, come al solito, il big man non lo sbaglia mica, potrebbe indire addirittura un master per direttori sportivi e general manager di tutta Europa dal titolo ” Il pivot dei vostri sogni”. Occasione allettante per carpire i segreti di tanta maestria nello scovare giovani prospetti, per visitare una città, secondo il parere di chi scrive, semplicemente meravigliosa e per provare una cucina, quella basca, che Nostro Signore ha gentilmente deciso di concederci, in un eccesso di benevolenza, per la nostra vita terrena. Qualche nome? Luis Scola, Tiago Splitter, Mirza Teletovic, Marcelo Nicola, Maciej Lampe, mica noccioline… Ma, la pesca continua ancora nei Paesi Baschi ed ecco qui Tibor Pleiss: 216 cm di insospettabile eleganza e mobilità, due mani da liutaio, una tecnica sopraffina, una facilità nei movimenti spalle a canestro disarmante. Nel match di ACB contro Saragozza, ne scrive 25 ( 9/12 da 2), catturando anche 9 rimbalzi e chiudendo con un sonoro 33 di valutazione finale, risultando per la quarta volta MVP di giornata in Liga Endesa.