“GiveMe5”: Il califfo Donta Smith sensazionale in Winner League, Diot protagonista in ProA

0

“GiveMe5” in salsa prevalentemente a stelle e strisce quella che proponiamo per questa settimana. Ben quattro atleti su cinque, infatti, provengono dagli USA, con l’eccezione di Antoine Diot, atleta transalpino in forza allo Strasburgo di David Andersen e Bootsy Thornton. Ma, scopriamo chi sono, spot per spot, i protagonisti selezionati per questa settimana:

Playmaker – J’COVAN BROWN (KAOD), fenomenale al Pireo contro l’Olympiakos, chiude il match con 29 punti messi a referto (7/9 da 2 e 4/8 da 3), anche se la propria straordinaria prestazione viene vanificata dalla sconfitta dei ragazzi di coach Markovic, costretti ad alzare bandiera bianca contro Dunston e soci, nonostante un match generosissimo che ha visto l’ex playmaker dell’AGO Rethymno ergersi ad assoluto protagonista. 

Guardia – ANTOINE DIOT (SIG Basketball Strasbourg), ottima struttura fisica, buonissimo difensore, discreta mano dalla lunga distanza, ma soprattutto quelle piccole cose come recuperi, una palla sporcata, una magistrale difesa sull’uno contro uno del pericolo pubblico numero uno avversario, che non si vedono alla fine nel tabellino ma che fanno tanto felici gli allenatori. Addirittura maestoso nell’ultima giornata in ProA, grazie ad un eccellente 33 di valutazione finale fatto registrare nell’importante affermazione dei suoi a Nanterre. Per il numero 8 di coach Collet, 21 punti con un brillante 5/7 da 2, in aggiunta a 5 rimbalzi e ben 12 assistenze smazzate per i compagni, numeri che testimoniano una prestazione da vero e proprio all-around.

Ala Piccola – DONTA SMITH (Maccabi Haifa), uno dei gran califfi della Winner League, capace di prestazioni fragorosissime dal punto di vista balistico quando è (ma gli capita spesso…) in giornata. A farne le spese questa volta è stata la capolista, quell’Hapoel Gerusalemme guidato da Halperin e Eliyahu, costretto ad alzare bandiera bianca ad Haifa e riagganciato al primo posto in classifica dal Maccabi di coach Blatt, vittorioso in volata nel derby di Tel Aviv contro l’Hapoel, con tanto di scazzottata di Big Sofo con i supporters locali in coda alla partita. Ma, parlavamo del nostro Donta, che contro Gerusalemme colleziona una straripante tripla doppia da 16 punti, 10 rimbalzi e 14 assist, numeri che gli sono valsi un ottimo 34 di valutazione finale. 

Ala Grande – YANCY GATES (Hapoel Eilat), che gioca sulle rive del Mar Rosso, ad Eilat, assieme al ragionier Nissim, vecchia conoscenza dei tifosi di Veroli, e all’ottimo Kevin Palmer, un giocatore, opinione personale di chi scrive, da prendere subito, senza pensarci un secondo di più. Ma, nel facile successo dei ragazzi di coach Katash sul Galil Gilboa di Sharon Drucker, protagonista è stato anche l’ex Cincinnati, che vanta esperienze in Lituania e Porto Rico. Per il numero 4 di Eilat, doppia doppia da 14 punti (con 7/8 da 2) e 11 rimbalzi che, assieme a 3 assist, gli hanno permesso di realizzare un buonissimo 26 di valutazione finale. 

Centro – KIRK ARCHIBEQUE (Rosa Radom), un bel caterpillar, bianco, solido, roccioso, che in area sa farsi rispettare. Alla quarta tappa in Polonia, dopo le esperienze con le maglie di Zielona Gora, Lodz e Gdansk ma nel suo curriculum ha anche referenze in Ucraina  e Georgia. Doppia doppia abbondante da 17 punti e 14 rimbalzi nel match vinto sul filo di lana dai suoi contro lo Stelmet, e, per l’ex centro da Fort Lewis, un bel 27 di valutazione finale.