“GiveMe5”: James Augustine eroico in VTB, Justin Hurtt e la sua isola felice

0

 

James Augustine (Fonte: isport.blesk.cz)

Quintetto ideale prevalentemente di matrice USA per il nostro consueto appuntamento settimanale con “GiveMe5”, con qualche vecchia conoscenza del nostro campionato e qualche nome nuovo, nello spot di playmaker in particolare. Ma, scopriamo chi sono i giocatori selezionati per questa settimana:

Playmaker – DARIUS ADAMS (Eisbaren Bremerhaven), che guida i suoi ad un prezioso successo esterno sul campo del TTB Trier grazie ad una prestazione che parla di 30 punti messi a referto (con 6/11 da 2 e 3/6 da 3), in aggiunta a 6 rimbalzi e a 4 assistenze scartate per i compagni. Numeri che hanno fruttato, per il numero 20 di coach Oldham, con all´attivo esperienze anche in Ucraina, Francia e Venezuela, un ottimo 27 di valutazione finale.

Guardia – JUSTIN HURTT(AGOR Rethymno Aegean), dalla Germania del Nord e dalla Beko Bundesliga ci spostiamo di qualche migliaio di km verso sud, raggiungendo la Grecia e la A1 Ethniki, planando su Rethymno, comune situato a nord dell´isola di Creta. Altro giro, altro trentello. Questa volta a collezionarlo e´una vecchia conoscenza del basket italiano, quel Justin Hurtt visto un paio di stagioni or sono con la casacca della Cimberio Varese, esperienza a dir la verita´ non felicissima per il bomber dal Missouri, culminata con un taglio a meta´stagione nonostante un contratto di durata biennale sottoscritto con il club biancorosso. Tra un sirtaki e un ouzo, in terra ellenica il buon Justin sembra aver trovato la giusta dimensione e, a testimonianza di cio´, figurano le sue statistiche, che lo pongono come quinto marcatore assoluto del massimo campionato greco ad oltre 15 punti ad allacciata. Intanto, nel facile successo dell´Agor contro il Kolossos Rodi, Justin ne scrive 30, in aggiunta a 2 rimbalzi e ad 1 assist, contribuendo in maniera determinante all´agevole successo dei suoi.

Ala Piccola MATT WALSH (Granarolo Bologna), da qualche giornata a questa parte predica nel deserto, quasi da solo, assistito da qualche rara fiammata di Ware e Hardy, nel tentativo di riportare un po´di fiducia e tranquillita´in casa Virtus, in serie negativa da 4 turni e che oggi ha sollevato dall´incarico il proprio allenatore Bechi, con Giorgio Valli atteso sotto le due torri per rivitalizzare una squadra che aveva ben impressionato nel primissimo scorcio di campionato. Per il 31enne ricciolone da Holland, Pennsylvania, ennesima dimostrazione di grande carattere e determinazione nel match perso contro una Vanoli Cremona che adesso corre come un pendolino: 33 punti, 10 rimbalzi e 2 assist, un enorme 40 di valutazione finale, vanificato purtroppo dalla cocente sconfitta contro la truppa di coach Pancotto.

Ala Grande – JAMES AUGUSTINE (Khimki Mosca), fate pure 31 punti con un immacolato 11/11 da 2, aggiungete 7 rimbalzi, 4 falli subiti, e inserite tutto questo in un vibrante derby stracittadino contro il CSKA, ovvero contro una delle front-line piu´dure, toste e cattive da affrontare in Europa, insomma, non il classico Tsmoki-Minsk o Donetsk della scampagnata di VTB di fine settimana…Basterebbero gia´questi numeri per descrivere la prova dell´ex Gran Canaria, Valencia e Murcia tra le altre: immenso, devastante, certamente non un fenicottero, ma tremendamente concreto ed efficace. Basta cosi? Ma, no, scherziamo??!!! Metteteci anche il buzzer beater, si ma suo eh, non di Popovic o Gelabale, che regala sulla sirena il successo ai ragazzi di coach Kurtinaitis, capaci di impattare e poi vincere il match proprio nei secondi finali. Ah, ultima cosa,  riguardo ai numeri di cui sopra, fate pure 37 di valutazione finale…

Centro – ESTEBAN BASTISTA (Pinar Karsiyaka), un po´piu´facile quando si ha un Bobby Dixon come direttore d´orchestra, ma poi alla fine bisogna comunque metterla dentro e Esteban, primo uruguagio a giocare nell´NBA, beh, quello sa come farlo. Per l´ex Fuenlabrada, Anadolu Efes e Atlanta Hawks tra le altre, prestazione tuonante nella sofferta vittoria interna del Pinar contro un coriaceo Olin Edirne, che parla di 28 punti messi a referto (con 13/14 da 2), in aggiunta a 10 rimbalzi e a 2 assist, per un altisonante 39 di valutazione finale.