L’Angolo del coach: il punto sulla ventesima giornata di A2 Girone Sud

0

ARTICOLO A CURA DI FABIO POZZI

Settima giornata di ritorno del girone sud che vede l’impresa di Firenze contro Nico Basket grazie ad un ultimo quarto da urlo. Le fiorentine prive di Calamai, Conti, Donadio e Cabrini, sono trascinate negli ultimi dieci minuti dalla coppia Scarpato – Pochobradska con M. Rossini che mette a segno gli ultimi cinque punti decisivi del match. Con la zona playout distante sei punti, nel prossimo weekend recupererà contro Patti una partita che potrebbe aprire speranze playoff fino a poco tempo fa impensabili. A coach Andreoli non bastano le prestazioni di Ramò e Frustaci mentre Zelnyte perde nettamente il confronto sotto i tabelloni contro Pochobradska. Continua a correre spedita in testa alla classifica Faenza che, nonostante le assenze, soffre nel primo quarto contro Livorno per poi allungare con il passare dei minuti. Minutaggio ben distribuito in vista della Coppa Italia con la sola Porcu oltre i 30 minuti di gioco. Solo 29 punti per le ragazze di coach Pistolesi. Resta in scia della capolista Brescia che chiude la pratica Cus già nel secondo quarto. Bonomi realizza 17 punti in soli 23 minuti di gioco, mentre coach Xaxa deve nuovamente fare a meno di Striulli. San Giovanni Valdarno ha la meglio sulla Virtus Cagliari grazie ad un terzo quarto da 15 a 4, dominando la lotta a rimbalzo 58 a 40 con ben 28 rimbalzi offensivi. Coach Ferrazzoli nel frattempo in settimana ha festeggiato i primi due punti con la vittoria contro Civitanova Marche grazie anche al contributo del nuovo acquisto Kowalska. Civitanova Marche che ritorna a casa con zero punti dalla doppia trasferta sarda, sfiorando la vittoria contro Selargius con due ultimi minuti di grande coraggio. 15 punti a testa per la coppia Granzotto- Manzotti tra le sarde.

ANALISI DELLA PARTITA DELLA SETTIMANA: Umbertide ritorna al basket giocato dopo un mese di stop forzato e lo fa nel migliore dei modi vincendo contro una mai doma Patti, e può preparare con l’entusiasmo giusto l’appuntamento Coppa Italia di venerdì prossimo. Partita a strappi, con parziali e contro parziali, decisa solo a 5 secondi dalla fine con il canestro in penetrazione di Pompei. Partono forte le ragazze di coach Staccini portandosi subito sul 15 a 7 grazie ad un grande ritmo imposto subito alla gara. È Galbiati tra le ospiti a essere protagonista in attacco e a permettere alle sue compagne di rimanere a contatto chiudendo il quarto sotto 22 a 15. Nel secondo quarto coach Buzzanca prova a mischiare le difese, mettendo in campo anche una 1-3-1 molto aggressiva che dà i suoi frutti inceppando l’attacco di casa. Con le due squadre tornate in parità, e Paolucci protagonista tra le umbre con due triple consecutive, Verona e compagne provano la fuga portandosi anche sul + 10 sul 44 a 34 prima che Moriconi con un tiro da 3 punti sul finale del tempo porti la distanza di 7 punti all’intervallo. Al rientro dagli spogliatoi due tiri dalla lunga distanza di Baldi e Kotnis riportano le padrone di casa in parità prima che Patti rispondesse di nuovo con un 8 a 0 di parziale. Con entrambe le squadre in bonus, sono i tiri liberi a farla da padrona prima che Stroscio salga in cattedra con un 8 a 0 di parziale a cavallo dei due quarti che riporta nuovamente in parità la gara. Nell’ultimo quarto Kotnis sembra dare il là allo strappo decisivo della gara con sette punti, ma ancora una volta, sul 70 a 63 per le padrone di casa, un altro parziale di 8 a 0 della premiata ditta Verona- Cupido- Galbiati riporta le siciliane in vantaggio sul 71 a 70. Ultimi attimi di gara palpitanti. Stroscio segna da tre punti, Galbiati segna il canestro del pareggio, e Pompei sfruttando il pick and roll centrale con un cambio di mano fulmineo brucia il contenimento di Manfrè regalando la vittoria alle compagne. Resta comunque grande soddisfazione in casa Patti per la prestazione effettuata nonostante fosse anche lei ferma da tre settimane dopo la vittoria in casa di San Giovanni Valdarno. Il recupero contro Firenze che si disputerà il prossimo weekend sarà una partita fondamentale per mettere al sicuro l’ottava posizione. Coach Buzzanca ha sicuramente avuto risposte positive dalla zona 1-3-1 disposta in campo nel secondo quarto, fatta di tanta aggressività e raddoppi negli angoli, e potrebbe essere un’arma importante per cambiare ritmo alla gara e generare parziali decisivi. Tra le singole da sottolineare la prestazione di Coppolino che è cresciuta molto nel corso della stagione ed il suo impiego permette a Cupido di giocare anche da guardia aumentando la sua pericolosità offensiva (17 punti per lei con solo 4 tiri dal campo). Galbiati ha tenuto a galla le compagne nel primo quarto dopo la partenza sprint di Umbertide, è tornata a segnare nei momenti decisivi della gara ma si è resa protagonista di poche delle sue proverbiali zingarate in mezzo all’area, che molte volte permettono alle compagne di tirare indisturbate. Sicuramente merito anche della difesa delle Umbre che nel secondo tempo è riuscita a contenere molto meglio l’attacco ospite. Tra tutte a livello difensivo eccelle ancora una volta De Cassan che con la sua fisicità ed agonismo mette sempre in difficoltà le avversarie. Moriconi e compagne sono state brave a recuperare i parziali subiti nel secondo e terzo quarto dimostrando grande caparbietà e capacità di produrre folate offensive importanti. Il pick and roll centrale ancora una volta è risultato decisivo come lo dimostra l’azione finale di Pompei. Ha fatto sicuramente la differenza il reparto lunghe con Baldi e Kotnis punti di riferimento a livello offensivo e brave a limitare la coppia Verona- Manfrè nella metà campo difensiva. Una vittoria che fa senza dubbio morale in vista della prossima Coppa Italia. Nel corso della stagione coach Staccini ha dimostrato più volte di saper trovare nel corso dei quaranta minuti la chiave di volta delle partite, ed in gare secche questo aspetto potrebbe risultare decisivo. Ai nastri di partenza parte sfavorita al cospetto di Udine che nell’andata ha dominato a sorpresa il girone nord, ma non ci si dovrà stupire se questo sarà il risultato a sorpresa della giornata di venerdì.

MVP DELLA PARTITA: STROSCIO fondamentale a cavallo tra il terzo e quarto quarto, finisce l’opera con la tripla del 73 a71 per il sorpasso. Sgusciante

QUINTETTO DELLA SETTIMANA:
Stroscio (18pt, 5/7 2pt)
Ramò (19pt, 4/8 3pt)
Scarpato (23pt, 3/6 3pt, 6ass)
Kotnis (19pt, 2/2 3pt)
Pochobradska (22pt, 4/5 3pt, 11rb)
Coach: Corsini

 

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here