L’Angolo del coach: il punto sull’undicesima giornata di A2 Girone Sud

Il consueto appuntamento settimanale con coach Fabio Pozzi che analizza l’ultimo turno di campionato.

di La Redazione

Nuovamente solo tre partite giocate nell’undicesimo turno del girone sud. Brixia rimane al comando espugnando il campo di Patti (ne parliamo in seguito). Bolzano riprende a giocare dopo tanto tempo di stop e lo fa nel migliore dei modi vincendo contro una Virtus ancora in formazione rimaneggiata per le assenze di Brunetti e Favento. Per coach Pezzi ben cinque giocatrici in doppia cifra con Chiabotto a 23 punti. In casa sarda grande protagonista Chrysanthidou in campo per quasi 40 minuti autrice di una doppia doppia da 13+17. Bolzano si mantiene a ridosso dei playoff dove Civitanova Marche espugna con grande autorità il campo di una Livorno irriconoscibile soprattutto dopo l’ottima prova della settimana scorsa contro La Spezia. Ottime percentuali al tiro per le ragazze di coach Dragonetto, 59% da 2 punti e il 64% da 3 punti. Sfida importante in chiave playoff il prossimo weekend contro Patti.

ANALISI DELLA PARTITA DELLA SETTIMANA: Brixia Brescia esce indenne dalla difficile trasferta in terra sicula e continua la sua cavalcata con la nona vittoria consecutiva mantenendo la testa della classifica. Partita che vede Patti padrona del primo tempo e Brixia del secondo. Primo quarto dove le squadre si studiano ed il ritmo non decolla mai. Nel secondo le padrone di casa aumentano notevolmente l’intensità difensiva che porta anche a maggior fiducia nella metà campo offensiva dove Galbiati la fa da padrona con punti e assists alle compagne. Uscendo dagli spogliatoi la partita cambia completamente padrone. Zanardi e compagne stringono le maglie in difesa allungandola anche in alcune occasioni, recuperando palloni o forzando le ragazze di coach Buzzanca ad affrettare le conclusioni. L’alternanza delle difese mette in difficoltà l’attacco di casa e quando Galbiati è costretta ad uscire per il terzo fallo in seguito ad un tecnico il break aumenta, limitato solo nel finale del tempo. Nell’ultimo quarto è la coppia Olajide-De Cristoforo ad essere assoluta protagonista. Patti si aggrappa a Verona ma non riesce ad arrivare tanto vicino da inpensierire le bresciane. Le padrone di casa pagano forse la cattiva vena realizzativa di Cupido e Stoichkova lasciando alla coppia Galbiati- Verona tutto il peso offensivo. Soffrono oltremodo l’intensità difensiva del secondo tempo delle bresciane sbagliando anche molte conclusioni ravvicinate e con il passare dei minuti non riescono più a contenere l’energia offensiva delle ospiti, e Olajide diventa un rebus di difficile soluzione per la difesa. La sfida della prossima settimana sul campo di Civitanova, diretta concorrente, sarà molto importante per non allontanarsi dalla zona playoff. Sempre grande soddisfazione in casa Brixia dove ben sei giocatrici vanno in doppia cifra e a turno nell’arco dei quaranta minuti si sono rese protagoniste. Turmel nel secondo quarto fa la voce grossa sotto i tabelloni con nove punti, Zanardi, superato il momentaneo infortunio al gomito occorso nel primo tempo, dà in là al break decisivo del terzo quarto. Olajide e De Cristoforo come già detto sono decisive nell’ultimo quarto, mentre Sozzi e Rainis sono due continue spine nel fianco della difesa messinese. Se il gruppo si esprime su questi livello grande merito va a coach Zanardi che ha saputo plasmare una squadra capace di alternare momenti di gioco a campo aperto a momenti più ragionati a metà campo sfruttando magari i miss match o i 199 cm di Turmel vicino a canestro. Ciò che impressiona di Zanardi e compagne è il livello di intensità messo in campo in alcuni frangenti della gara che sovente generano break importanti. Le diverse difese proposte fanno si che la squadra comandi sempre il gioco. Al ritorno dagli spogliatoi la zone press ha messo in grande difficoltà Cupido e compagne, come anche la zona 3-2. Ed una volta rientrata Galbiati coach Zanardi non ha esitato a disporre una box and one su di lei per estreniarla dal gioco (anche se Patti è stata brava a punirla con i tagli o le penetrazioni di Verona e Stoichkova). Tutto questo fa sì che il pallino del gioco sia sempre delle bresciane e che le avversarie debbano essere brave ad adattarsi alle varie situazioni difensive che di volta in volta si trovano a dover affrontare. Nel prossimo weekend la sfida casalinga contro San Giovanni Valdarno, ferma da parecchio tempo, sarà l’ennesima prova di maturità per la matricola rivelazione del campionato.

MVP DELLA PARTITA: OLAJIDE nell’ultimo quarto fa valere la sua fisicità ed il suo canestro sul finire di partita allo scadere dei 24 secondi mette la parola fine alla gara. Prorompente.

QUINTETTO DELLA SETTIMANA:

Chiabotto (23pt, 5/6 3pt)
Galbiati (19pt, 6ass)
Paoletti (18pt, 4/6 3pt)
Olajide (18pt, 14rb)
Verona (24pt, 9/14 2pt)

Coach: Zanardi

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy