LBA 2019-20, 3ª giornata: l’MVP è Adrian Banks

LBA 2019-20, 3ª giornata: l’MVP è Adrian Banks

Clamorosa prestazione del capitano dell’Happy Casa Brindisi nel successo sulla Germani Brescia (88-78). Banks chiude infatti con 31 punti, 5 rimbalzi e 6 assist e una valutazione totale di 42 in 32′ sul parquet.

di Marco Arcari

L’MVP di Basketinside per questo terzo turno della Serie A 2019-20 è Adrian Banks, guardia e capitano dell’Happy Casa Brindisi. Nel successo sulla Germani Basket Brescia (88-78), Banks ha letteralmente dominato a 360°. Non è riuscito a riscrivere il suo career-high per punti realizzati, che rimane quello stabilito nel 22° turno della stagione 2015-16, quando ne mise 33 contro l’allora Consultinvest Pesaro. I 31 punti realizzati gli permettono però di raggiungere, e superare, quota 2.500 in Serie A (2.530 in 157 presenze) e di ridurre a 243 punti il gap col 5° miglior marcatore nella storia della New Basket Brindisi.

In termini di valutazione è invece arrivata la miglior prestazione in carriera. Prima prova personale oltre i 40 di valutazione e miglior prova all-time di un giocatore di Brindisi. Banks ha infatti superato il precedente primato, fatto registrare da Delroy James nel 2013-14 (39), peraltro proprio contro la squadra di Banks di allora, la Cimberio Varese.

Ritornando alla prova contro Brescia, Banks è stato devastante soprattutto nel 2° quarto, in cui ha realizzato 20 punti con un perfetto 4/4 da 3. Grazie alla sua produzione offensiva, la squadra di coach Vitucci è riuscita a scavare quel solco che ha poi coltivato nel corso della sfida grazie alle prove degli altri statunitensi. 83 degli 88 punti realizzati dall’Happy Casa sono infatti arrivati dai 5 USA, compreso il rientrate Tyler Stone, capace di chiudere con 15 punti (3/8 da 3) e 7 rimbalzi.

Non ce ne vogliano i tifosi delle altre squadre, sempre – e giustamente – pronti a far notare come l’MVP debba essere un altro giocatore rispetto a quello qui scelto. Risulta però inevitabile evidenziare due cose, per comprendere appieno questa rubrica. La palma di MVP, per definizione, viene assegnata tramite una variabilità di criteri che differisce da sport a sport. Nel singolo evento ci si riferisce solitamente al “giocatore della partita”. È chiaro allora che, come accade per l’EuroLeague, tale atleta debba appartenere alla squadra vincitrice del match. Ecco perché le nostre scelte hanno finora premiato giocatori appartenenti a squadre che, in quel turno, avevano trovato la vittoria.

Come la rubrica della scorsa stagione, anche questa vedrà una maggiore soggettività nella scelta del miglior giocatore di ogni singolo turno di campionato. Sarebbe altrimenti puro esercizio di copiatura quello di scegliere l’MVP semplicemente in base alla graduatoria della valutazione di giornata. Desideriamo pertanto scegliere soggettivamente, ovviamente motivando nei dettagli la preferenza, in base a diversi fattori. 1) Difficoltà dell’impegno anche in base a valore e cammino della squadra avversaria. 2) Continuità di rendimento del giocatore scelto nel corso della singola gara. 3) Analisi, non costante, dei cosiddetti “intangibles”.

Per vedere i nostri precedenti MVP di ogni turno di LBA 2019-20, cliccate qui.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy