Serie A 2018-19, 15ª giornata: l’MVP di Basketinside è il duo Artis-Blackmon

Serie A 2018-19, 15ª giornata: l’MVP di Basketinside è il duo Artis-Blackmon

Per la prima volta in stagione premiamo contemporaneamente due giocatori. Dominic Artis e James Blackmon sono infatti stati entrambi fondamentali nello scontro-salvezza con Torino. Il 15° turno è stato però caratterizzato anche dalle grandi prove di Mathiang (18+18) e Saunders (15+15) per la Vanoli, dalle giocate di Taylor (21 e 6 assist) nella vittoria della Segafredo Virtus Bologna a Varese e dal solito terzetto della Sidigas, Green-Nichols-Sykes (62 punti in 3), nel successo irpino contro Pistoia.

di Marco Arcari

Non ce ne vogliano i tifosi delle altre squadre, sempre – e giustamente – pronti a far notare come l’MVP debba essere un altro giocatore rispetto a quello scelto in questa rubrica, ma è inevitabile evidenziare due cose. La palma di MVP, per definizione, viene assegnata tramite una variabilità di criteri che differisce da sport a sport; nel singolo evento, però, ci si riferisce solitamente al “giocatore della partita” ed è chiaro allora che, come accade per l’EuroLeague, tale giocatore debba appartenere alla squadra che esce vincitrice dal singolo match. Ecco perché, finora, le nostre scelte hanno premiato giocatori appartenenti a squadre che, in quel turno, avevano trovato la vittoria. Rispetto alla rubrica della scorsa stagione, tuttavia, questa vedrà una maggiore soggettività nella scelta del miglior giocatore di ogni singolo turno di campionato. Sarebbe altrimenti puro esercizio di copiatura quello di scegliere l’MVP semplicemente in base alla graduatoria della valutazione di giornata, pertanto desideriamo scegliere soggettivamente, ovviamente motivando nei dettagli la preferenza, in base a fattori quali: 1) difficoltà dell’impegno anche in base a valore e cammino della squadra avversaria; 2) continuità di rendimento del giocatore scelto nel corso della singola gara; 3) analisi, non costante, dei cosiddetti “intangibles”.

Alla luce di tutto ciò, l’MVP di Basketinside per questo quindicesimo turno della Serie A 2018-19 subisce una variazione rispetto alle precedenti giornate, dal momento che non possiamo non riconoscere la contemporaneità al duo Dominic Artis & James Blackmon della VL Pesaro. I biancorossi ritornano al successo dopo 6 sconfitte consecutive, superando nell’anticipo domenicale la Fiat Torino (dopo 1 overtime) e rendendo così positivo l’esordio di coach Boniciolli sulla panchina della VL, chiamato dalla società per sostituire Massimo Galli. Artis-Blackmon hanno trascinato i compagni anche nei momenti di maggiore difficoltà, senza tuttavia dimenticare il grande 1° quarto di McCree (14, con 5/6 al tiro) e il lavoro a rimbalzo di Mockevicius (11 carambole tra 4° periodo e supplementare). Blackmon ha segnato in tutte e 5 le frazioni di gioco (6, 9, 8, 5, 5), confermando così le sue doti di eccellente realizzatore (11/21 dal campo, con 5/9 da 3) anche nei momenti più caldi della sfida; Artis ha invece sfoderato l’ennesima prova a tutto tondo, chiudendo con 20 punti (8 nel 4° periodo), 5 assist, 9 recuperi e la tripla che, a 4 decimi dalla sirena, ha mandato la gara al supplementare, complice anche la scelta poco comprensibile di Torino di non spendere un fallo tattico per difendere il provvisorio vantaggio di 3 lunghezze.

Oltre a ciò, la coppia Artis-Blackmon è stata fondamentale anche nella miglior prova stagionale di Pesaro al tiro pesante: il 14/26 da 3 equivale al 53.9% di realizzazione e batte i precedenti primati stagionali biancorossi per triple realizzate (11, a Cantù), tentate (24, sempre a Cantù) e percentuale (50%, contro Trieste). Per Blackmon arriva la seconda prova stagionale con oltre 30 punti realizzati, dopo i 35 messi a referto nella sconfitta a Brescia del 5° turno, e anche la miglior percentuale da oltre l’arco in singolo match (55.6%). Sicuramente i due giocatori, insieme a McCree e Mockevicius, rappresentano i punti fermi di una squadra che, con l’arrivo di Boniciolli, vuole provare a invertire la rotta e conquistare l’ennesima salvezza; il nuovo allenatore ha però già mostrato di saper fare di necessità virtù, lanciando in quintetto Simone Zanotti, che lo ha subito ripagato con una buonissima prova (8, con altrettanti rimbalzi e 3 recuperi in 29′) e rinfrescando il gioco della VL. Molti sono i dettagli da dover affinare – anzitutto un aumento della coralità offensiva, anche perché 9 assist in 45′ sono un po’ pochini – ma i biancorossi hanno già approcciato nel migliore dei modi la nuova guida tecnica e sembrano poter trarne ulteriori benefici. Se la coppia Artis-Blackmon dovesse poi continuare con prestazioni simili…

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy