Serie A 2018-19, 28ª giornata: l’MVP di Basketinside è Riccardo Moraschini

Serie A 2018-19, 28ª giornata: l’MVP di Basketinside è Riccardo Moraschini

Moraschini è semplicemente incontenibile nel successo dell’Happy Casa Brindisi sull’Alma Trieste: la guardia di Cento ritocca molti record personali in Serie A e trascina la squadra di coach Vitucci 4° posto solitario a 2 giornate dal termine della Stagione Regolare.

di Marco Arcari

Non ce ne vogliano i tifosi delle altre squadre, sempre – e giustamente – pronti a far notare come l’MVP debba essere un altro giocatore rispetto a quello scelto in questa rubrica, ma è inevitabile evidenziare due cose. La palma di MVP, per definizione, viene assegnata tramite una variabilità di criteri che differisce da sport a sport; nel singolo evento, però, ci si riferisce solitamente al “giocatore della partita” ed è chiaro allora che, come accade per l’EuroLeague, tale giocatore debba appartenere alla squadra che esce vincitrice dal singolo match. Ecco perché, finora, le nostre scelte hanno premiato giocatori appartenenti a squadre che, in quel turno, avevano trovato la vittoria. Rispetto alla rubrica della scorsa stagione, tuttavia, questa vedrà una maggiore soggettività nella scelta del miglior giocatore di ogni singolo turno di campionato. Sarebbe altrimenti puro esercizio di copiatura quello di scegliere l’MVP semplicemente in base alla graduatoria della valutazione di giornata, pertanto desideriamo scegliere soggettivamente, ovviamente motivando nei dettagli la preferenza, in base a fattori quali: 1) difficoltà dell’impegno anche in base a valore e cammino della squadra avversaria; 2) continuità di rendimento del giocatore scelto nel corso della singola gara; 3) analisi, non costante, dei cosiddetti “intangibles”.

Alla luce di tutto ciò, l’MVP di Basketinside per questo ventottesimo turno della Serie A 2018-19 è Riccardo Moraschini, guardia della Happy Casa Brindisi che, con una prova sontuosa, trascina i biancoblu di coach Vitucci al successo sull’Alma Trieste e, quasi contemporaneamente, al 4° posto solitario in classifica, quando rimangono 2 sole giornate di Regular Season da disputare. Innanzitutto, da encomiare vi è la produzione offensiva: Moraschini piazza 30 punti (3 nel 1° quarto, 8 nel 2°, 9 nel 3° e 10 nel 4°) e riscrive così il suo career-high in LBA (superando così i 25 messi a segno nel successo sull’A|X Armani Exchange Milano, ottenuto nel 16° turno di questo campionato). Record personali anche per tiri totali realizzati, con 9 (5 da 2 e 4 da 3), tiri liberi a bersaglio (8/8), rimbalzi catturati (7, tutti difensivi) e valutazione (38); in termini di valutazione, peraltro, nella storia della New Basket Brindisi in Serie A, solamente Delroy James è stato capace di fare meglio, con un 39 fatto registrare il 2 marzo 2014 nel successo (96-70) sulla Cimberio Varese, in cui l’ala chiuse con una doppia-doppia da 27 punti e 11 rimbalzi (oltre a 3 stoppate e 4 recuperi).

Moraschini si conferma così punto fermo di una delle squadre rivelazione di questo anno. Brindisi è stata infatti capace di vincere finora 9 partite nel girone di ritorno (meglio dei pugliesi solamente Cantù e Trento, con 10 successi) e di conquistare il 4° posto, guardando con fiducia anche agli ultimi 2 impegni: la sfida ad Avellino (domenica 5 maggio) diventa uno spartiacque importante per consolidare la posizione e, magari, estromettere una squadra accreditata di ben altri risultati a inizio anno, quale questa Sidigas; l’ultimo turno, in casa contro Trento, è una sorta di altro scontro diretto con una rivale per i Playoffs, che garantirebbe un posizionamento di rispetto nella griglia della post-season. Si tratta comunque di 2 impegni complicati, ma questa Happy Casa non ha alcuna intenzione di fermarsi in quello che, risultati alla mano, è uno dei migliori cammini della sua storia societaria.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy