Serie A, 3ª giornata: l’MVP è Darius Johnson-Odom

Serie A, 3ª giornata: l’MVP è Darius Johnson-Odom

Con una prestazione da 34 punti, 3 rimbalzi, 2 assist, 2 recuperi e 1 stoppata, Johnson-Odom è il fattore chiave nella prima vittoria stagionale di Cremona. Al PalaRadi, Pistoia viene spazzata via per 92-77.

di Marco Arcari

La Vanoli Cremona coglie il primo successo stagionale in Campionato, superando Pistoia con il finale di 92-77 al PalaRadi e godendosi un Darius Johnson-Odom che conquista il riconoscimento di MVP di giornata grazie a una prestazione mostruosa a livello offensivo. La guardia – classe 1989, alla quarta stagione nella massima serie italiana – riscrive ben 4 highs personali da quando gioca in Italia: quello per valutazione (40, superando il precedente di 32 fatto registrare in tre diverse occasioni ma sempre con la maglia di Cantù), quello per punti realizzati (34, migliorando i 27 fatti registrare l’anno scorso contro Caserta), quello per tiri realizzati (11, con 8/9 da due e 3/6 da tre) e quello per liberi realizzati (9, su 11 tentativi).

E pensare che qualche giorno fa Johnson-Odom era stato vittima di un’aggressione in pieno centro a Milano, riportando un trauma cranico con ferite al volto, rimediati nel tentativo di difendere la moglie da un tentativo di scippo. Nonostante il triste episodio, però, il talento Raleigh ha iniziato a mantener fede alle promesse fatte nella presentazione in maglia Vanoli, quando aveva affermato di voler fare cose importanti per la città dopo l’affetto dimostratogli dai tifosi la scorsa stagione, sebbene l’epilogo non fosse stato dei migliori con la retrocessione in A2. Contro Pistoia Johnson-Odom parte subito fortissimo con un recupero difensivo e un contropiede chiuso con un gioco da tre punti, prima di calarsi nella parte di portatore di palla/play occulto e cominciare a bombardare da oltre l’arco dei 6.75. Chiude il primo quarto con 18 punti e 2 recuperi difensivi a referto, sbagliando solo un tiro e dominando in lungo e in largo sul parquet: in transizione è perfetto nello scegliere la posizione e il tempo con cui colpire da oltre l’arco, in penetrazione controlla al meglio piedi e bilanciamento per arrivare al ferro o conquistare viaggi in lunetta (3/3 ai liberi nella frazione).

Nel secondo quarto Johnson-Odom cala d’intensità ma Cremona non soccombe sotto il dominio a rimbalzo dei toscani e riesce comunque a trovare l’apporto dei Diener in fase offensiva. Alla ripresa delle operazioni, dopo l’intervallo lungo, è però ancora il talento statunitense a tracciare la via verso il primo successo stagionale, conquistando 8 viaggi in lunetta e mettendo probabilmente a segno la sua giocata più bella con la stoppata su McGee e il suo proiettarsi in contropiede per trasformare in 2 comodi punti l’assist di Travis Diener. Cremona, così, torna a respirare in classifica, agguantando la tredicesima posizione provvisoria ed evitando di fare compagnia al terzetto di squadre che ancora non hanno trovato il successo (Brindisi, Reggio Emilia e Capo d’Orlando).

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy