Tiri liberi – Il mondo social del basket #5

Tiri liberi – Il mondo social del basket #5

Ultima partita del girone d’andata. Questa prima parte di campionato ci ha regalato tante sicurezze. Una di queste è senza dubbio quella dei nostri #tiriliberi. E allora che aspettiamo, tuffiamoci nel mondo social del basket.

di Federico Rana

Ultima partita del girone d’andata. Questa prima parte di campionato ci ha regalato tante sicurezze. Una di queste è senza dubbio quella dei nostri #tiriliberi. E allora che aspettiamo, tuffiamoci nel mondo social del basket.

1) AVELLINO: “E non hai visto ancora niente”

Potevamo aprire in altro modo? La Sidigas vola in classifica, ed arriva al giro di boa della stagione al primo posto, a + 2 sul trio di inseguitrici Venezia, Milano, Brescia . Guardare tutti dall’alto verso il basso può far soffrire di vertiigini, ma non ad Avellino. La vittoria per 83-94 al PalaTrento sulle Aquile allenate da coach Boscaglia arriva nel segno di Jason Rich, autore di 33 punti, e leader della classifica marcatori della nostra Serie A. Ma tra i lupi la festa era già partita.

Venerdì infatti, ha spento le 31 candeline sopra la propria torta di compleanno Hamady N’Diaye, centro al primo anno in Campania, ma già entrato nei cuori dei tifosi. Almeno a giudicare dai commenti sui social.

2) VENEZIA: “Seicento di questi giorni”

Dietro alla capolista Avellino, le seconde scalpitano. Tra queste, ce n’è una particolarmente in palla. La Reyer di De Raffaele ha ottenuto nel weekend la quarta vittoria consecutiva in campionato, battendo l’Olimpia 80-84. Un filotto partito con il successo all’overtime strappato in casa contro Sassari a Santo Stefano. Ma la partita di domenica è speciale anche per un altro motivo, almeno per uno dei protagonisti in campo.

Con i 19’ giocati al Forum d’Assago infatti, Tomas Ress strappa il traguardo delle 600 partite in Serie A, un numero che lo rende primo tra i giocatori in attività. L’anno scorso a 36 anni ha vinto lo scudetto, da capitano. Con un anno in più sulle spalle (e nelle gambe) l’obiettivo rimane lo stesso. Gli avversari sono avvertiti.

3) CANTÙ: “Nobody said it was easy”

La Coppia Italia, ribattezzata Coppa Lombardia, ha ufficialmente le sue partecipanti. La testa di serie numero 6 a Firenze il prossimo 17 febbraio a Firenze sarà la Pallacanestro Cantù. La vittoria al PalaPentassuglia su Brindisi per 86-88 arriva grazie alla giocata della settimana. Protagonista: tale Charles Thomas da Jackson (su Instagram @3_easy ), Missisipi.

E a Cantù già scalpitano. Perché il ritorno alle Final Eight  verrà sancito dal derby con Milano. E anche se la cornice non sarà più quella lombarda, lo spettacolo è assicurato.

4) TORINO: “C’eravamo tanto amati”

Un posto su di Cantù, al quinto posto solitario, c’è la Fiat Torino Auxilium. I piemontesi a Firenze affronteranno Venezia, dopo la vittoria al Pala2A di Varese per 89-92 è accolta con autoritaria consapevolezza a Torino, come testimoniano le parole di coach Bianchi.

Parole che lasciano nel dubbio, nel vedere lo sviluppo degli eventi. Già, perché nemmeno 24 ore dopo il successo, la società annuncia il divorzio da Bianchi. Un pieno coup de theatre.

5) BOLOGNA: “Modesti a parte”

Andiamo a Bologna. No, non dalla Virtus. Si lo sappiamo, altro off topic dopo quello di settimana scorsa. Eppure questo secondo noi merita. La Fortitudo di coach Boniciolli colleziona la quarta vittoria in fila, e si lancia all’inseguimento di Trieste capolista. In conferenza stampa l’allenatore dei bolognesi si lascia andare in una dichiarazione un filino modesta, ma diamine, nel basket ci vuole anche questo. Intanto in tribuna i tifosi si divertono. Almeno a giudicare dal sorriso a 32 denti di Nina Zilli.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy