Con Polonara e Cerella prende forma la nuova Varese

0

La Cimberio Varese si sta muovendo con attenzione sul mercato tenendo il controllo sulle spese puntando su giocatori in cerca di rilancio o di visibilità.

La prima firma stagionale, quella di Ebi Ere, va proprio in questo senso. Il nigeriano arriva da una stagione mediocre in Spagna, ma le qualità del giocatore sono risapute. Così come la seconda firma: quella di Dusan Sakota. L’ala ha ripreso a giocare giusto lo scorso anno dopo lo stop forzato dovuto al contatto fortuito con Poeta ai tempi di Pesaro.

Chi freme dalla voglia di potersi esprimere in campionati più importanti è sicuramente Bryant Dunston. Il centro statunitense ha doti atletiche importanti e può rivelarsi una sorpresa della prossima stagione.

Se Sakota ha fatto storcere al naso ai tifosi varesini, sono bastate neanche 24 ore a rifare tornare entusiasmo tra i biancorossi. Il prossimo colpo sarà Achille Polonara. L’ala ex Teramo è in rampa di lancio e Varese è la situazione ideale per potersi esprimere. Tecnico bravo con i giovani, Sakota è un giocatore con caratteristiche differenti e non dovrebbe levare troppi minuti al classe ’91 pronto a firmare un pluriennale con la società di Piazza Montegrappa.

Secondo “La Prealpina”, sempre da Teramo, potrebbe arrivare anche la guardia-ala argentina Bruno Cerella reduce da una stagione da protagonista prima dello sfortunato infortunio subito al ginocchio contro Milano. Il rientro dovrebbe avvenire in novembre.

Frenata invece sul fronte Mike Green e De Nicolao. La trattativa con il playmaker statunitense va per le lunghe e la Cimberio si guarda intorno sondando l’ipotesi Malcolm Delaney, fresco campione di Francia, ma l’obiettivo numero uno resta l’ex giocatore di Cantù che sta valutando da una decina di giorni l’offerta varesina. In caso di sì sarà lui il nuovo playmaker della Cimberio. Mentre si attendono risposte da Green, le richieste del play veneto classe ’91, al momento, sono troppo alte. Per questo motivo si segue anche Lorenzo D’Ercole, scuola Siena, in uscita da Cremona dopo una stagione chiusa a 3.7 punti a partita.