Benetton Treviso – Otto Caserta: per la prima di ritorno si respira odore di rivincita

0
Dopo la sofferta vittoria nella prima gara delle Last16 di Eurcocup contro l’Alba Berlino per 72-64, la Benetton Treviso torna al Palaverde per la 3^ gara casalinga in 8 giorni in cui affronterà l’Otto Caserta per la prima giornata del girone di ritorno in anticipo alle 20.30. La squadra trevigiana arriva dalla vittoria casalinga in campionato contro la Vanoli Braga Cremona per 68-62; nell’ultimo turno invece l’Otto Caserta è stata sconfitta a Sassari per 74-56. Treviso non potrà contare su Gal Mekel e Daniele Sandri alle prese con i rispettivi infortuni al piede e al ginocchio. I campani partono alla volta del PalaVerde contando i feriti: Fletcher fermo da due giorni per un disordine alla caviglia, e Righetti ancora alle prese con il preparatore, per l’infortunio patito proprio nel palazzetto trevigiano nel pregara contro gli “ospiti” lagunari. Entrambi saranno in panchina, e il primo avrà sicuramente qualche minuto in campo, mentre il secondo sarà impiegato solo se Sacripanti lo riterrà necessario. Ex della partita saranno Charlie Bell, che ha vinto lo scudetto a Treviso nel 2002, e Giuliano Maresca.

La classifica: entrambe le squadre sono appaiate a 14 punti con 7 vittorie e 9 sconfitte.

La terna che dirigerà il match sarà composta da: Giampaolo Cicoria, Massimiliano Filippini e Maurizio Biggi.

BENETTON TREVISO:

SI: Le ultime vittorie stanno incoraggiando sempre più i giocatori della Benetton Treviso, che cercano di mettere in pratica al meglio ciò che gli viene spiegato da un coach Djordjevic sempre più idolo della curva sud per il suo lato combattivo e mai domo che piano piano sta trasmettendo alla squadra. I chili e i centimetri aggiunti sotto canestro dall’arrivo di Marcus Goree stanno portando i primi buoni risultati sotto l’aspetto della fluidità del gioco offensivo e della maggior presenza nel pitturato in difesa. Terzo match tra le mura amiche del Palaverde che partita dopo partita vede aumentare il numero di tifosi presenti ad incitare la squadra, oramai vincere contro Treviso a Fort Benetton sembra quanto davvero difficile.

NO: Gli infortuni di Gal Mekel e Daniele Sandri hanno ormai portato i due ragazzi a non scendere praticamente più in campo: il primo per la nota fascite plantare starà fuori almeno un mesetto, il secondo non ricomincerà ad allenarsi prima di due. Il roster corto sul piano delle guardie e dei play sicuramente costringerà coach Djordjevic a fare largo uso di capitan Bulleri e di “garanzia” Becirovic in regia. Gli automatismi di squadra stanno migliorando partita dopo partita, anche se per ora non so proprio ottimali, in particolare dopo l’ingresso di Marcus Goree nelle rotazioni biancoverdi.

Quintetto:  De Nicolao, Thomas, Viggiano, Ortner, Goree

Dal sito www.benettonbasket.it coach Sasha Djordjevic e Andrea De Nicolao presentano il match di domani contro la Otto Caserta: “All’andata andò male all’ultimo tiro, ma eravamo una squadra tutta diversa. Comunque è bene ricordare la lezione perché quei due punti persi li dobbiamo assolutamente recuperare. Dopo le ultime buone prestazioni dobbiamo mantenere la continuità e restare concentrati perché ora si entra nel periodo caldo della stagione. Giocando ogni tre giorni ci vuole tanta testa e tanto cuore per ottenere risultati importanti, tra poco avremo la sosta dove poter lavorare per perfezionare i meccanismi con le tante novità che abbiamo inserito, intanto stringiamo i denti e andiamo avanti con lo spirito mostrato dalla squadra in tutta la stagione e apprezzato dal nostro pubblico che ci dà sempre un grosso aiuto e tanta positività.”

Il giovane playmaker biancoverde dichiara: “Rispetto all’andata sono cambiate tante cose, ma non la nostra voglia di combattere e lottare fino alla fine delle partite. Già 4/5 volte dopo la gara di Caserta in campionato le nostre partite sono finite all’ultimo tiro, sintomo che ci siamo sempre e non molliamo mai. Così dovremo fare anche domani sera, magari cercando di chiudere prima del 40′ la gara a nostro favore. Caserta è una squadra temibile con tanti talenti, un allenatore che conosco bene e che è bravissimo (Sacripanti, coach della nazionale under 20 che con De Nicolao ha vinto l’argento europeo quest’estate, domani per lui 400° panchina in serieA, 100° con Caserta n.d.r.) e un grande leader come Collins, playmaker che è il termometro della squadra (6 assist a gara). Non sarà facile
marcarlo anche se è uno dei pochi che forse è più piccolo di me tra gli avversari della Serie A.” Ora siete al completo e inizia il ritorno, quali le vostre aspettative? “Con l’innesto di Goree abbiamo esperienza e fisicità, era quello che ci serviva anche per il suo attaccamento a questa società e al bel rapporto che ha con i nostri tifosi. Con questa squadra possiamo andare lontano e io penso che se miglioriamo ancora e manteniamo lo spirito che ci contraddistingue in questa stagione, possiamo puntare ad un posto nei play off. Coach Djordjevic ci dà una carica pazzesca e ci responsabilizza, specie noi giovani, io non smetterò mai di ringraziarlo per le opportunità che mi offre e soprattutto di seguire i suoi consigli.”

OTTO CASERTA:

SI: La Otto vola a Treviso con ancora i segni della debacle sarda. L’umiliazione di Sassari è stata una grande batosta, un’offesa anche per quei tifosi che nonostante la lontananza,erano giunti per vedere la propria squadra lottare. Invece la partita è diventata ben presto una partita degli Harlem Globe Trotters contro lo sparring partner di turno, e i campani non erano gli Harlem. Questa sonora batosta però, può essere un ottimo punto di partenza per un riscatto psicologico atteso dall’inizio dell’anno. Collins e co. non sono tipi da abbassare la testa, e vorranno dimostrare senz’altro il proprio livello, compreso un Charlie Bell che, già bollato come bidone, dovrà scrollarsi da dosso quest’etichetta

NO: Collins dopo la finta contro Biella, è tornato nella sua versione Mr. Hyde, Bell è ancora un oggetto misterioso, uno scolaretto con tanta voglia di fare, un cervello che va a mille all’ora, ma un fisico che a malapena supera i 20 orari. Con Righetti out, l’unica alternativa è Maresca, che però non è mai stato un realizzatore, né tanto meno un leader, e non lo diventerà certo in un paio di giorni. Per ora Caserta si regge sui lunghi (Stipanovic e Smith confermano di essere due grandi scoperte di coach Sacripanti), nonostante un Fletcher profondamente involuto nelle ultime apparizioni, ed il settore esterni si sta reggendo sulle spalle larghe di capitan Doornekamp. Aaron ha nelle ultime quattro gare quasi 10 di valutazione media, nonostante la sola vittoria ottenuta contra Biella. Qualcosa deve cambiare, a partire da Treviso, perché il solo Smith non basta per la salvezza.

Quintetto: Collins, Bell, Doornekamp, Smith, Fletcher

PRECEDENTI: 34 precedenti tra le due squadre con 18 successi di Caserta e 16 di Treviso. All’andata  Caserta  vinse allo sprint per 85-84 con 25 di Smith e 20 di Becirovic per la Benetton.

Pronostico: 60% Benetton Treviso – 40% Otto Caserta

Orario e televisione: sabato 21/01 ore 20.30 – streaming radio su www.benettonbasket.it, su radio Veneto Uno (97.5 mHz)– diretta tv sull’emittente campana Tele Luna 2

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here