Biella-Montegranaro, le pagelle: Jurak e Pinkney uniche luci, Campani e Di Bella letali

0

Angelico Biella: Goran Jurak; 8 per l’impegno, mai domo, qualche volta polemico con gli arbitri, ma è l’unico che da la sveglia in campo e sugli spalti, avercene di Jurak Andrea Renzi 4 poca presenza in campo ma gioca male gli spiccioli di partita che Cancelieri gli concede; Tommaso Raspino 4,5 vale il discorso per Renzi, non è facile subentrare in un team che è in difficoltà ma è lo sguardo spaesato che tradisce forse più un problema psicologico che non fisico Marco Laganà; 4 mette grinta ma le percentuali al tiro tracciano un profilo di un atleta che come tutta la squadra non ne imbrocca una Taylor Rochestie 5 molto nervoso si incrocia troppo spesso con Johnson con cui si ingarbuglia, difense poco e male e le scelte di tiro non sono le migliori Julian Mavunga 3 mai in partita Trey Johnson 6 I 19 punti e un vena da tre recuperata sono doti positive ma i possessi persi nei momenti topici ne fanno un atleta in chiaro scuro Dimitrios Tsaldaris 6 rispetto alle ultime uscite decisamente meglio ma manca il gioco di squadra Kevinn Pinkney.7 per fortuna che stave male in settimana infatti segna solo 15 punti contro una difesa di montenegranaro che non gli ha lasciato molto spazio All.: Massimo Cancellieri 4 più che alla partita è alla stagione, difficile e sfortunata, non ha mai trovato il bandolo della matassa, la panchina non dà molto, e oggettivamente Rochestie e Johnson si pestano i piedi Sutor Montegranaro: Daniele Cinciarini 7,5 il faro di Montegranaro illumina la squadra e se la carica sulle spalle Lorenzo Panzini; 5,5 presenza impalpabile dieci minuti ma senza incidere Tamar Slay 7 decisivo nel momento in cui ha messo a segno le bombe ha indirizzato la partita e ottimo anche a rimbalzo Luca Campani 8,5 Mvp della partita l’assenza di Amoroso infortunato lo porta a assumersi responsabilità nuove e riesce a incidere in modo massiccio sulla partita. E’ destino che Biella si trovi sempre un giocatore nuovo che di fatto non era preventivabile. Scoperta Fabio Di Bella 8 l’ex di turno esegue in modo didattico quello che chiede Recalcati determinante dalla lunetta Valerio Mazzola 5,5 poco reattivo lo ricordavano meglio Kyle Johnson; 6,5 non in grande serata ma da il suo contributo alla squadra Rolands Freimanis 7 decisivo a rimbalzo incide sia in attacco che in difesa Christian Burns fa soffrire Kevin Pinkney e non poco mentre in attacco è poco incisivo Valerio Amoroso. S.v. non giudicabile un infortunio lo mette ko All: Carlo Recalcati 7/8 ha trasformato una squadra, facendo giocare un collettivo è non è poco