Bologna – Milano, la sala stampa: le parole di Sacripanti e Pianigiani

0

Ecco le parole di Stefano Sacripanti: “Hanno vinto i migliori, ma ce la siamo giocata. Faccio i complimenti a Milano perché sono stati bravissimi. Se devo fare un appunto alla mia squadra è giocare anche l’ultimo minuto come se non fosse già persa. Abbiamo fatto la partita con ardore. Sul +6 abbiamo preso due bombe con ottime difese. Mi tolgo il cappello che non ho di fronte a James che è stato devastante. Bravissimo lui, ma noi anche quando siamo andati sotto abbiamo saputo rialzarci. Penso che la nostra difesa sia stata quasi sempre buona. Il livello era veramente alto e quando è così possono bastare due episodi per girare il risultato. Penso che abbiamo perso la partita con la nostra migliore prestazione di squadra dalla preseason. Abbiamo perso davanti al nostro pubblico ma stiamo facendo una buona progressione credo, ho visto cose positive in campo. Per vincere avevamo bisogno che Milano non fosse nella sua miglior serata, ma non è andata così. Ora dobbiamo essere bravi a resettare tutto perché abbiamo solo un giorno prima di incontrare Ostenda in un match davvero importante per il cammino in coppa. La mentalità della squadra, a parte l’ultimo minuto, penso sia stata sempre quella giusta, anche se abbiamo fatto qualche svista di troppo soprattutto per meriti dei nostri avversari. La mia idea che vorrei trasferire alla squadra è quella di coinvolgere tutti, creare giochi in cui ognuno dei giocatori possa essere al centro. L’idea è proprio quella di non ruotare sempre solo intorno a un singolo. Stasera non abbiamo buttato via troppi palloni; stiamo imparando a non fare entrare i singoli con prepotenza in partita ad ogni costo, come magari è successo con i primi tiri di Punter che avrebbe voluto da subito prenderla in mano. Dobbiamo lasciare che sia la partita a venire a noi e stiamo migliorando in questo.”

Così Coach Simone Pianigiani ha commentato la vittoria di Bologna: “È stata una partita seria e solida ed è quello che cercavamo. Non volevo che nessuno toccasse i 30 minuti di utilizzo e avevo detto che avremmo dovuto restare in partita per poi giocarcela nel finale al nostro ritmo. Nel primo rempo abbiamo perso un po’ di controllo della gara quando abbiamo avuto tre o quattro palle perse di fila. Il problema era quello infatti nel terzo abbiamo superato rimontato e allungato senza mai perdere una palla.Abbiamo alzato un po’ il ritmo nella ripresa, il nostro obiettivo è quello di “non farci prendere” in alcuni momenti. Per riuscirci abbiamo pagato un po’ su Qvale, che ha segnato tanto, ma nel quadro generale abbiamo fatto quello che dovevamo fare per vincere e quindi sono molto contento. Loro sono una squadra forte, che mi piace molto, spinta da un’atmosfera molto coinvolgente e noi dovremo sempre di più spalmare minuti ed energie. Se avessimo perso, e poteva succedere, non sarebbe cambiato nulla, ma abbiamo vinto e giocato in modo davvero solido. Ora arriva il Real Madrid e andiamo a regalarci una notte di grandi emozioni, in un Mediolanum Forum che sarà pronto a darci tutto”.

Ufficio Stampa Virtus Pallacanestro Bologna e Olimpia Milano