Brindisi-Sassari, Markovic e Gombauld: “Dobbiamo avere approccio giusto e combattere”

0

Coach Markovic presenta la sfida di Brindisi in programma sabato alle 20 in Puglia (potrete seguirla in Club House e con la Live Reaction di Dinamo Tv).

“Giochiamo contro un’altra squadra che lotta per restare nella massima serie, giocano molto bene, letteralmente differente rispetto a prima, ha aggiunto tre nuovi giocatori nel quintetto, sono in condizione, un allenatore di assoluta esperienza, ci aspetta una sfida durissima”.

“Spero che andremo a Brindisi con una mentalità differente soprattutto nell’approccio rispetto a Trento, a livello di fisicità ci hanno messo in difficoltà fare tutto quello che serve per giocarci il match”

“Abbiamo lottato in una partita difficile con gli avversari che hanno giocato benissimo, noi non abbiamo tirato bene però siamo stati bravi ad arrivare a – 4 a 2’ dalla fine con il tiro aperto di Cappelletti”

Percentuale tiro da 3 punti

“Abbiamo creato tiri aperti contro Trento, non li abbiamo messi, per me non è stata la chiave del match, troppi tiri facili concessi in transizione difensiva, non l’abbiamo fermata anche con i falli che potevamo commettere. Possiamo sicuramente migliorare il nostro tiro da tre punti ma è la difesa che deve salire di livello” 

Jefferson come sta?

“Ieri ha fatto mezzo allenamento, il dolore si riduce, giocherà penso ma non so in che modo e quanti minuti, mancano solo due giorni, il tempo è molto stretto”

Bendzius rientrerà a Brindisi?

“Non so quello che Federico ha detto precisamente, si sta allenando con la squadra, ma è lontano dall’essere pronto per la condizione e l’intensità che serve in partita, non voglio distruggere la chimica di squadra per un giocatore fino a quando non sarà al 100%. Lavora duro, fa 5 contro 0, ma ogni partita oggi è una battaglia, Benji non penso sia pronto, serve almeno un mese di allenamento alla massima intensità, sia per non rischiare per la sua salute, sia per non rovinare l’equilbrio”

L’analisi del match con Stéphane Gombauld

“A Trento abbiamo iniziato male la partita contro la loro fisicità, non abbiamo approcciato nel migliore dei modi, è la chiave per riuscire ad affrontare meglio la partita contro Brindisi. Anche quando abbiamo rimontato ci è mancato sempre lo step e l’energia per riuscire a colmare il gap. Dobbiamo lavorare sui nostri errori, su quello che non ha funzionato prima di guardare gli altri”

“Dobbiamo andare a Brindisi a lottare, non esiste altro, essere pronti per combattere, sono un eccellente squadra, hanno talento, se vogliamo pensare di poter vincere dobbiamo davvero pensare ad una battaglia”

Fiducia diminuita dopo la sconfitta di Trento

“Non penso questo, abbiamo la stessa fiducia, la stessa chimica e lo stesso modo di giocare dell’ultimo mese, dobbiamo subito pensare alla partita dopo per vincere, sappiamo quello dobbiamo fare, consapevoli dei nostri mezzi, non devi rimuginare ma essere motivati per strappare il successo”

“Non penso che centri l’avversario con cui giochiamo in trasferta, è la nostra missione migliorare in trasferta e cercare di vincere, dobbiamo avere la stessa mentalità, è un campionato durissimo, è una questione di mentalità, di modo di approcciare e di restare concentrati per quaranta minuti”

Ufficio Comunicazione

Dinamo Banco di Sardegna