Cantù-Reggio Emilia, la sala stampa: le parole di Recalcati e Menetti

Le parole dei due allenatori.

di La Redazione

Queste le parole dei due allenatori Recalcati e Menetti, dopo la vittoria di Cantù contro Reggio Emilia.

Coach Recalcati commenta così la grande vittoria al suo ritorno sulla panchina della MIA Cantù: “Sono ovviamente molto contento perché non mi immaginavo di iniziare così la mia avventura. Sulla carta questa partita era davvero difficile, dopo una settimana durante la quale abbiamo potuto lavorare insieme per poco tempo e con alcune problematiche fisiche come quella di Darden. In cuor mio volevo vincere, ho chiesto ai ragazzi di dare il massimo e mi aspettavo di vedere una gara intensa come quella di questa sera”.

“Al di là della vittoria – ha continuato l’allenatore canturino –  non posso negare che abbiamo commesso molti errori in difesa, soprattutto nel primo tempo. Sono comunque contento perché ho visto sul campo il lavoro che abbiamo fatto in palestra, soprattutto la zona 3-2 che abbiamo costruito e allenato in pochi giorni. Gli errori fanno parte del gioco, bisogna però allontanare la paura di sbagliare e cominciare a fare le scelte giuste che consentono di avvicinarsi alla vittoria. E’ stato fondamentale anche il contributo dalla panchina perché penso che Johnson abbia avuto il minutaggio più basso dell’anno sia per mia scelta, per farlo arrivare in buone condizioni nel finale, sia per il quarto fallo commesso nel terzo periodo”.

“Ciò che mi ha spinto ad accettare la panchina di Cantù – ha concluso coach Recalcati – è lo sguardo verso il futuro. Quello che desidero davvero è contribuire con le vittorie a far sì che tutti insieme si possa lavorare per diventare una grande squadra che corre verso lo stesso obiettivo”.

Coach Menetti commenta così la sconfitta della sua Grissin Bon al PalaBancoDesio: “È evidente che siamo in un momento difficile, in cui non riusciamo ad incidere come vogliamo. Trascorriamo una settimana ottima, allenandoci bene in palestra e coltivando grandi aspettative, con il desiderio di dare una svolta positiva. Quando però ci affacciamo sul campo, cadiamo sempre negli stessi errori e non troviamo in nessun modo la scossa per ribaltare le carte in tavola”

“Questa sera – ha aggiunto l’allenatore di Reggio Emilia – abbiamo giocato bene i primi venti minuti, guadagnando un bel vantaggio, però non siamo stati capaci di arrivare all’intervallo con un buon margine. Nel terzo periodo Cantù ha alzato i ritmi di gioco, facendo leva anche sulla grande spinta del pubblico. Noi, al contrario, non siamo riusciti ad avere quella reazione emotiva che ci avrebbe permesso di invertire la rotta, e le percentuali da tre punti dei padroni di casa hanno fatto la differenza”.

Uff.Stampa Pall.Cantù

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy