Cantù-Trento: la sala stampa

0

Coach Stefano Sacripanti commenta così l’ampia vittoria della sua Acqua Vitasnella contro la Dolomiti Energia: “Questa sera sono davvero molto contento. Nella conferenza stampa pre-partita avevo fatto intendere che per noi questa sarebbe stata una gara chiave, perché era particolarmente importante vincere e ribaltare il -12 dell’andata. Devo ammettere che prima di scendere in campo ero timoroso perché dopo Mosca eravamo un po’ stanchi: giocare ogni tre giorni delle sfide decisive porta infatti sicuramente ad un calo delle energie nervose. Oggi invece i miei ragazzi hanno risposto tutti con grande lucidità”. “Sono soddisfatto – ha aggiunto l’allenatore canturino – del rientro di Gentile e della rotazione di tutti i giocatori. Anche se solitamente preferisco non fare particolari apprezzamenti per nessuno, oggi mi sento di elogiare Buva per la prestazione di grande spessore condotta sia in attacco che in difesa. Siamo stati bravi a eseguire il piano partita che avevamo preparato. L’obiettivo era far ricevere ogni pallone a Mitchell con grande fatica per cercare di limitare il suo impatto offensivo e questa tattica ha sicuramente pagato. Abbiamo allungato di tanti punti e siamo riusciti a ribaltare anche la differenza canestri”. “Penso – ha concluso coach Sacripanti – che per 28 minuti la nostra difesa sia stata  ottima. Nell’ultimo quarto abbiamo concesso forse troppi canestri facili, ma non credo sia giusto nemmeno guardare le cose negative dopo un successo così ampio. La chiave in attacco è stata quella di coinvolgere e servire tanto i nostri lunghi”. Il coach della Dolomiti Energia, Maurizio Buscaglia, commenta così la sconfitta della sua squadra alla Mapooro Arena: “Non è partendo dalle statistiche che dobbiamo commentare il match di questa sera, perché abbiamo fatto veramente male. I meriti di Cantù sono innegabili, però oggi siamo stati proprio poca roba. Da martedì vogliamo tornare in palestra e allenarci per vincere la prossima gara. Dobbiamo lavorare duramente per riuscire a trasportare in partita ciò che di buono facciamo in settimana in allenamento”. “Adesso – ha aggiunto l’allenatore di Trento – è importante ripartire da questa sconfitta con equilibrio. Quando disputi una prestazione come quella di questa sera è fondamentale imparare e rileggerla in maniera costruttiva, con l’unico pensiero di giocare la miglior partita del campionato nel prossimo turno. Mitchell? Stasera ha fatto meno del solito le cose che ci sono necessarie e per cui lavoriamo”.