Caserta-Roma, le pagelle: Michelori sontuoso, Gibson (quasi) perfetto

0

Pasta Reggia Caserta

Mordente 4: E’ l’unica nota stonata della serata, il capitano entra in campo ma sembra non esserci. La sua permanenza sul parquet dura un battito di ciglia, tempo di farsi battere un paio di volte dal palleggio da Triche per costringere Esposito a richiamarlo in panchina.

Domercant 7: Non è al massimo della condizione fisica ed è innegabile, ma trascina i suoi grazie alla sua grande esperienza. Prende tiri importanti e nel secondo tempo il più delle volte va a bersaglio, sbaglia il tiro della vittoria ma era una responsabilità da prendere.

Antonutti 7,5: Ultimamente l’abbiamo visto sicuramente in prestazioni più sontuose di questa ma il suo rimbalzo in attacco con conseguente 2/2 ai liberi fa cantare il Palamaggiò, riesce a trovare il meglio anche in serate storte come questa.

Capin 6,5: Moore in avvio è confusionale, il suo ingresso in campo risulta decisivo per mettere ordine e finalmente far ingranare la squadra in attacco. Forse prende qualche tiro di troppo ma la sua presenza sul parquet è a tartti fondamentale.

Vitali 7: Sparacchia tanto e male nella prima parte di gara racimolando brutte percentuali. Nel secondo tempo è un altro giocatore, proprio da una sua schiacciata parte la rimonta bianconera. Imprescindibile per questo team.

Tommasini 5: Spento e confusionale l’ex Virtus. Gioca da guardia come piace a lui ma non riesce mai ad essere incisivo in attacco, in difesa si arrangia come può senza strafare.

Michelori 9: Sontuoso, dominante. Sembra esser tornato quello degli anni d’oro almeno per una sera, il suo ingresso in campo coincide con la rimonta casalinga, la sua energia guida tutti i compagni all’ormai insperata rincorsa. La sua difesa sull’ultimo possesso di Gibson è da manuale del basket.

Moore 6: In attacco non riesce quasi mai a far canestro ma il suo ritmo imposto alla partita aiuta, e non poco, la causa bianconera. Anche gli assist sono molto limitati in questa serata non proprio da ricordare.

Tessitori 6: Solo 3 minuti con due punti segnati per il giovane centro bianconero. Insomma, stasera con un Michelori così era davvero difficile riuscire a trovare qualche spazio.

Scott 6,5: In attacco non tira proprio come sa, ma in difesa e soprattutto a rimbalzo è a tratti dominante. Le sue lunghe leve lo facilitano molto e riesce anche a tenere a bada Jones dopo un avvio clamoroso del romano.

Ivanov 6: L’insufficienza non la merita, ma questa è una sufficienza stentata. Esce per falli perchè non riesce proprio a trovare la chiave di volta al pick and roll romano.

Acea Roma

Ejim 5: Quasi più falli che minuti giocati, non è la serata dell’ala romana. In attacco risulta poi invisibile ed i 0 punti segnati sono frutto di una giornata no per il giocatore Romano.

Triche 6: Prova a mettere ordine e a far ingranare l’attacco ospite, ci riesce solo quando è marcato da Mordente. Per il resto prova in ombra anche se c’è limpidamente chi ha fatto peggio di lui.

Jones 7: E’ l’unica arma di Dalmonte quasi per tre quarti, il suo tiro dalla lunga entra con continuità ed i lunghi della Juve fanno tanta fatica a contenerlo. Si spegne andando avanti nella gara e nell’ultima frazione di gioco scompare completamente dal parquet.

D’Ercole 5: Una tripla fuori ritmo e allo scadere del 24 l’unico acuto di una serata storta e sonnecchiante per la guardia Italiana. Dalmonte lo tiene tanto in campo ma lui non ripaga la fiducia del coach.

Sandri s.v: Sta in campo ma è come se non ci fosse, i suoi minuti sono davvero pochi, giusto il tempo di far rifiatare Jones.

Gibson 6,5: E’ il giocatore a cui gli ospiti si affidano per far canestro e per trovare punti, per quasi due quarti e mezzo è praticamente perfetto ma pesa la sua sciagurata gestione nell’ultimo possesso.

Stipcevic 5: Si limita a far giocare gli altri senza quasi mai prendere una responsabilità. Tira male dalla lunga e non riesce quasi mai ad incidere offensivamente.

Morgan 5,5: A tratti una spina nel fianco della difesa Casertana, per il resto un giocatore che sbaglia tanto e non riesce nemmeno a difendere con continuità il ferro.

Ebi 5: Per il nuovo acquisto pochi minuti sul parquet, giusto il tempo per mettere in mostra le sue doti atletiche.