[ESCLUSIVA] Franco Del Moro: “La Coppa Italia è uno degli eventi più belli, difficile fare un pronostico”

[ESCLUSIVA] Franco Del Moro: “La Coppa Italia è uno degli eventi più belli, difficile fare un pronostico”

Franco Del Moro ci ha parlato delle sue sensazioni sulle Final Eight di Firenze e della stagione della Poderosa Montegranaro.

di Lucia Montanari, @LuciMonta15

Alle Final Eight di Firenze abbiamo chiacchierato con Franco Del Moro che ci ha parlato della Coppa Italia e della sua squadra, la Poderosa Montegranaro, seconda in classifica nel girone est dell’A2.

1. Come ti sono sembrate queste Final Eight fino a questo momento?

Bellissime, veramente spettacolari! Ci sono stati dei colpi di scena che hanno reso questa competizione ancora più bella e non è ancora finita!

2. Chi ti ha sorpreso di più?

Mi sta sorprendendo molto Brindisi, che vedo davvero in grande forma e sta giocando davvero bene. La vera sorpresa però è stata nella prima giornata dove abbiamo visto la Virtus Bologna battere Milano, anche se anche l’anno scorso Milano andò fuori al primo turno. Per l’Olimpia è stato davvero un brutto colpo, mentre per la Virtus credo che la vittoria di giovedì sia stata una vera boccata d’ossigeno, non solo per il passaggio del turno, ma proprio a livello di fiducia.

3. Secondo te chi alzerà la Coppa Italia?

Questa è una domanda molto difficile e io non sono di certo un mago. Sicuramente chiunque si giocherà le semifinali avrà la possibilità di arrivare fino in fondo, perché, come abbiamo visto, le sorprese sono sempre dietro l’angolo e mai come quest’anno può davvero succedere di tutto.

4. Ti sta piacendo l’evento in generale, a livello di organizzazione, tifo, ecc?

Credimi, io non riesco ad essere lucido nel giudizio di queste cose perché per me guardare due partite al giorno di questo fantastico sport è sempre un immenso piacere, per cui anche se ci fossero delle sfumature negative o qualcosa che non va, probabilmente sarei troppo preso dalle partite per accorgermene.

5. Un commento sulla stagione della “tua” Poderosa Montegranaro…

È il secondo anno che Montegranaro è in A2 e da due anni stiamo ottenendo dei risultati che vanno ben oltre ogni più rosea aspettativa, quest’anno ancora di più rispetto all’anno scorso. Devo dire che il gruppo di quest’anno è composto non solo da buonissimi giocatori, ma anche da bravi ragazzi e secondo me è questo che da solidità allo spogliatoio e alla squadra. Per quanto riguarda la conduzione tecnica, poter contare su un coach come Cesare Pancotto seduto in panchina è un pregio che non tante società di A2 si possono permettere.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy