F8 – Finale: Le parole nel post partita di Pasquini e Repesa

Le parole dei due coach, dopo la partita conclusiva della kermesse riminese: Milano-Sassari

di Alessandro Kokich

Pasquini: “Peccato, perchè credo che sia una partita che si è decisa su quelle 3 bombe che abbiamo lasciato nel secondo quarto; fino a quel momento lì stavamo facendo una partita perfetta. E’ evidente che abbiamo fatto grande fatica ad arrivare all’intervallo in vantaggio di 2 e questo ha dato energia a Milano che si è rifatta sotto con grande energia e qualità nel terzo quarto. Hickman ci ha massacrato ogni volta che lo perdevamo in difesa ma nonostante ciò siamo arrivati anche sul 75-72 sbagliando poi diversi tiri che in altre occasioni avremmo messo. Comunque complimenti a Milano, noi abbiamo fatto una grande partita anche questa sera ma il rammarico c’è ed è grande.”

Repesa: “Un trofeo importante visto che l’abbiamo vinto dopo tre sofferte e tiratissime partite contro Brindisi e Reggio Emilia. Tutti ci volevano battere, questo è normale ed è un segnale di rispetto verso di noi. Reggio si è rinforzata per vincere, la Dinamo negli ultimi due mesi sta giocando veramente bene. Siamo arrivati qui diretti, nessuno si voleva nascondere. Oggi siamo partiti troppo tesi e troppo nervosi, siamo rimasti per cinque minuti a secco mentre Sassari segnava anche dallo spogliatoio. Era importante rimanere calmi e avere fiducia, l’unica cosa che dovevo fare era mantenere la calma e non fare troppe rotazioni, ecco perchè hanno giocato i giovani italiani. Nel secondo quarto abbiamo aumentato l’aggressività e cambiare la partita, arrivare a -2 a fine primo tempo è stato un ottimo risultato, e giocando con Macvan da cinque e Pascolo da 4, siamo riusciti ad andare a +11. La nostra forza dovrebbe essere difesa e contropiede ma era difficile sviluppare contropiede quando segnavano triple da dieci metri. Faccio comunque i complimenti a tutti, abbiamo vinto un trofeo in un momento e in un anno importante.”

 

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy