Fip: maggiori controlli, nazionale e diritti tv. Petrucci: “Chi non riprende l’Italia si pentirà!”

0

Si è svolto questa mattina presso l’Hotel River Chateau di Roma il Consiglio Federale Fip, presieduto dal Presidente Gianni Petrucci, in cui si è parlato di questioni delicate come le nuove disposizioni Com.Te.C, i diritti televisivi della nazionale, i contatti con l’Osservartorio.

Il Presidente ha voluto prima di tutto ricordare con parole di affetto la figura di Angelo Rovati, scomparso ieri dopo una lunga malattia, da lui definito come “una persona straordinaria, oltre che un caro amico; una grande perdita per tutto il mondo della pallacanestro italiana”.

 

Dopo questo affettuoso  ricordo, Petrucci, insieme al Dott. Alessandro Annessa (Commissione Tecnica di Controllo), è passato ad illustrare i punti più importanti trattati e le relative decisioni prese:

 

Com.Te.C

È stato decretato che dal prossimo campionato (nello specifico dal 1° luglio 2013) la Commissione Tecnica di Controllo delle Società Professionistiche effettuerà controlli più stretti sulle società: ognuna di esse dovrà sottoporsi a non meno di due verifiche ispettive della Com.Te.C nel corso dell’anno al contrario dell’unica annuale attualmente prevista, e dovrà inoltre dimostrare bimestralmente il pagamento avvenuto nei confronti dei propri tesserati (attualmente il controllo era previsto trimestralmente); in caso di irregolarità riscontrate le sanzioni saranno molto pesanti, sia economicamente che in termini di squalifiche.  
“Abbiamo cercato di mettere dei paletti fissi e di aumentare il controllo,” ha spiegato il Dott. Annessa, “per far si che leggi che comunque sono già esistenti vengano rispettate e che si creino meno situazioni spiacevoli possibili”.
“Tutto questo viene fatto,” ha aggiunto Petrucci “alla luce dell’esperienza fatta da quando sono arrivato al basket, vedendo società che iniziano e poi tra appelli, incertezze, giocatori non pagati; abbiamo cercato di mettere dei paletti, per punire chi infrange la legge, ma per dare anche una certezza in questi tempi di crisi a chi fa le cose per bene. Serve a creare un basket migliore, e a mantenere pulito uno sport che si è sempre distinto per questo.”

 

Riepilogando, quindi, Annessa ha spiegato che «se dalla prossima stagione sarà accertata una scrittura privata in contrasto con la normativa vigente (quindi sottoscritto su  modulistica non conforme), procuratore, giocatore e società saranno rinviati al procuratore federale per un’eventuale sanzioni da tre mesi a tre anni, oltre al rischio, per la società, di un’ammenda da 20mila a 100mila euro». Le ispezioni della Comtec, durante l’anno, aumenteranno da una a due, mentre i club dovranno inviare un’autocertificazione bimestrale, e non più  trimestrale, su pagamenti degli  stipendi, Enpals e Irpef. Tramontata l’idea di un aumento della fidejussione (150mila euro) perché, come ha spiegato Petrucci, «non risolve i problemi. Servono budget certi e imprenditori intelligenti che assicurino il regolare svolgimento dei campionati».

Alla luce di queste nuove normative e di questa nuova politica, il Consiglio Federale su indicazione del Com.Te.C ha subito disposto la penalizzazione di 4 punti in classifica per la società Veroli Basket, per il ritardo nel pagamento dei contributi Inps e Irpef.

 

Diritti televisivi della Nazionale

Dice il Presidente Petrucci: “Ho espresso in sede di Consiglio la mia insoddisfazione sul fatto che non abbiamo ancora certezza che i Campionati Europei di Basket vengano trasmessi in televisione. Io ho avuto degli incontri con chi di dovere, e loro stanno facendo il massimo che possono, ma non è possibile che si vada avanti con una RAI che dice no ad ogni cosa che sia calcio. C’era una regola secondo cui le grandi manifestazioni nazionali, ed un Campionato Europeo di Basket lo è, fossero trasmesse in chiaro, ma a quanto pare nessuno se la ricorda più, anzi, non ci sono soldi, o costano troppo i diritti…ma sono scuse che sento da vent’anni, e quindi perdonatomi ma alzo un po’ la voce. Basta che il direttore generale mi dica chiaramente che la RAI non ha soldi per trattare altri sport, ma io non penso sia così, quindi ancora una volta mi appello affinchè sia dato spazio alla Nazionale del secondo movimento sportivo italiano, il basket, e a un campionato Europeo pieno di competizione e squadre fortissime, perché non può essere che un servizio pubblico non trasmetta un campionato europeo di basket. Questa questione sarà un pungolo e ogni giorno insisterò… Se la RAI dirà di no? Mi rivolgerò sicuramente ad altre reti nazionali.”

 

Osservatorio

Il Presidente Federale ha illustrato l’incontro del 9 aprile avuto con il Vice Capo della Polizia Alessandro Marangoni, in cui sono stati fatti ulteriori passi in avanti per una maggiore organizzazione e sicurezza dei tifosi, oltre alla volontà di abbattere le barriere all’interno dei palazzetti di basket.
“Abbiamo iniziato un percorso per eliminare queste brutture che ci sono nella pallacanestro, soprattutto in quattro campi,” ha spiegato Petrucci “perché le gabbie sono proprio il contrario dello sport, e il basket non mi sembra che nel corso degli anni abbia creato tutti questi problemi. E allora io faccio appello al Capo della Polizia e al Capo dell’Osservatorio, entrambi molto gentili e disponibili, perché questo rapporto continui affinchè unendo i nostri sforzi già dal prossimo campionato si eliminino queste brutture.”

 

Possibile rientro nel basket di Napoli e Treviso?

Si è parlato in sede di Consiglio anche di un discorso delicato a cui si accenna da mesi, ovvero il rientro della città di Napoli nel grande basket.
“Abbiamo già dei contatti,” ha affermato Petrucci “anche perché io sono per le grandi città, anche se purtroppo gli episodi degli ultimi anni hanno smentito quello che io ho sempre detto: il basket è ancora, dopo il calcio, lo sport più seguito? Perché ha ancora tre o quattro grandi città, che unite a realtà più piccole ma molto d’impatto come Siena, Cantù, Pesaro, Varese, Sassari danno una grande spinta al nostro movimento. Le realtà più piccole sono fondamentali, però è chiaro che se mi entrasse una Napoli, o una Torino , per noi sarebbe importante. Quindi, ci sono dei movimenti a Napoli, che vorrebbero riportare se non nella massima serie almeno nella seconda serie la città, così come c’è un movimento per riportare nel basket anche Treviso.”

 

Basket Femminile: fine del progetto College Italia

Il Consiglio ha annunciato che il progetto di College Italia si chiuderà con la stagione in corso, ed ha inoltre espresso il suo dispiacere per la poca attenzione generalmente riservata al basket femminile, come ha recentemente dimostrato la pochissima pubblicità fatta alla finale Schio-Lucca.
Petrucci si è detto molto preoccupato a riguardo, soprattutto per la poca attività della Lega femminile, poco presente e con poche iniziative per promuovere questa realtà; proprio alla luce di queste constatazioni sono stati incentivati i lavori per il “Progetto Donna”, volto proprio a rilanciare e a fare uscire dall’oscurità il movimento della pallacanestro femminile.

 

Europei e Nazionale

Nelle battute finali si è parlato della Nazionale Italiana, in particolare della volontà di mantenere coach Simone Pianigiani alla guida della squadra: “Per me possiamo vederci anche subito,” ha detto Petrucci “Simone è una persona che mi ha conquistato appena lo ho conosciuto, voglio lui alla guida della pallacanestro italiana perché è una persona eccellente sia professionalmente che sul piano umano, e sono a sua disposizione per far incontrare le parti e definire un nuovo accordo.”

Qualche parola è stata spesa anche per i nostri tre ragazzi in NBA, soprattutto si è parlato di Danilo Gallinari e del dispiacere per il suo infortunio: “Danilo è un ragazzo eccezionale, un bravissimo atleta e una splendida persona, e noi mettiamo tutto quello possiamo a sua disposizione per una pronta guarigione, perché lo voglia nel gruppo anche se solo volesse accompagnarci a vedere le partite.”
Petrucci ha spiegato anche di essere in contatto con Andrea Bargnani, che ha confermato la sua volontà ad essere parte della Nazionale Italiana, anche alla luce del fatto che il suo infortunio comunque non è particolarmente grave, e che è apparso molto motivato e convinto, per quanto riguarda Marco Belinelli abbiamo parlato anche con lui, che è stato molto onesto e ci ha confermato che deciderà cosa fare al termine del suo campionato.  

Termina con una battuta Petrucci: “Comunque noi abbiamo un grande commissario tecnico, e quindi tutti avvranno paura dell’Italia ai prossimi Europei…E chi non riprende l’Italia si pentirà!”

Scherzava il Presidente, ma si sa che scherzando si dice sempre un pizzico di verità!

Le prossime riunioni del Consiglio Federale avranno luogo mercoledì 5 giugno e mercoledì 17 luglio 2013.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here