Fortitudo Bologna – Cremona, la sala stampa: le parole di Martino e Galbiati

0

Le parole di coach Martino dopo la vittoria: “Molto contento per la vittoria, sapevamo quanto fosse importante in un contesto dove la componente emotiva avrebbe avuto impatto notevole oltre la tecnica e la tattica. Brava Cremona a lottare fino alla fine, noi bravi a chiudere una gara mentalmente non semplice, alternando cose buone ad altre meno buone, ma oggi contava vincere. Mi piacerebbe giocare qua tutte le partite del resto del campionato, sarebbe da pazzi non pensarlo, anche se forse a parte il derby nelle ultime trasferte abbiamo giocato un basket migliore, e lo 0-7 iniziale ha provato quella che è stata l’emozione dei giocatori. Il nostro desiderio è di raggiungere la salvezza, questo ci ha fatto iniziare in maniera troppo contratta e ho dovuto chiamare timeout subito per calmare i giocatori. Da lì c’è stato un 16-2 di parziale, ma poi tanti piccoli errori, qualche rimbalzo lasciato, palle non contestate, cose che hanno reso la gara un punto a punto. Siamo riusciti ad andare a +9, poi altre ingenuità fino ad un buon finale. Abbiamo aspettato tanto Fantinelli, ora è a disposizione: ha bisogno di crescere come condizione, ma oggi è andato anche oltre le aspettative. Io cerco di assecondare quel che il campo suggerisce, lui è riuscito a mettere pressione e a compensare certi limiti atletici che abbiamo. Come evitare le ingenuità? Cercando in allenamento di ricreare contesti simili a quelli della gara, unico modo per essere pronti alla domenica. Non è semplice, ma se vogliamo giocare le prossime partite come fossero finali serve concentrazione sulle piccole cose, dove oggi siamo un po’ mancati. Groselle? Abbiamo cercato di supportarlo dopo la sosta, abbiamo condiviso il fatto che sarebbe rimasto qui con noi, non abbiamo mai perso la fiducia in lui. E’ un grande professionista, ottimo lavoratore, sta crescendo. Tutti devono contribuire, oggi Aradori è stato bravissimo nella produzione poi abbiamo cercato di non fargli commettere il terzo fallo. Anche chi è uscito dalla panchina ci ha dato qualcosa. Procida? Mi dispiace perché ha avuto una serie di problemi di fila nel suo momento migliore come fiducia, mi auguro di riaverlo il prima possibile”.

Così coach Galbiati dopo la sconfitta: “Complimenti ai tifosi, è stato bellissimo giocare qua. Peccato per il risultato, avevamo tante assenze e in certe occasioni ci siamo fermati davanti alla loro finta zona. Siamo rientrati con l’orgoglio, dentro sto morendo e bruciando ma faccio i complimenti ai miei che hanno fatto una gara notevole. Ci sono mancate le gambe, bravi loro e stanchi noi. Tanta amarezza, ma continuo a crederci. Non ci siamo fatti stendere nemmeno dai 3 liberi messi da Groselle o dalla bomba di Benzing, questo fa crescere l’amore che ho per i miei giocatori”.