Germani Brescia, grande festa per la chiusura del ritiro a Ponte di Legno

Germani Brescia, grande festa per la chiusura del ritiro a Ponte di Legno

Bonetti: “Una settimana positiva in cui abbiamo lavorato in serenità, ringrazio tutto il paese”.

di Fabio Rusconi

Sfila per la piazza principale di Ponte di Legno la Germani, prendendosi gli applausi dei propri tifosi. In almeno 250 si sono dati appuntamento nel paesino dell’alta Valcamonica, sede del ritiro estivo della Leonessa, per la giornata conclusiva del raduno. E’ una delle prime immagini del nuovo corso targato Vincenzo Esposito, che sulla panchina lombarda è chiamato a riscattare una stagione, la scorsa, con più ombre che luci.

Un saluto e un rimando alla stagione, sintetizzato dall’appello che Sandro Santoro, DG biancoblu, rivolge ai presenti: “Partiamo da qui per viaggiare in Europa. Seguiteci, vogliamo che sia una bella favola. Sappiamo non sarà un cammino facile, ma siamo sempre qui per approcciarlo al meglio”. Presentati quasi tutti i giocatori della prima squadra (assenti i nazionali Vitali e Abass, oltre che Sacchetti), tutto lo staff tecnico (tranne il viceallenatore Baioni, in procinto di diventare padre) e il resto dei dipendenti e collaboratori. Presentato inoltre qualche giocatore aggregatosi al gruppo e i giovani più promettenti, anch’essi presenti al ritiro.

Ad animare la mattinata in piazza il patron Matteo Bonetti, che ha avuto parole di elogio per la Valcamonica e per le strutture che hanno aiutato ad ospitare il ritiro: “Per noi ormai Ponte di Legno è una meta fissa. Ripartiamo da qui con ambizioni nuove, con un gruppo coeso e che ha voglia di faticare, oltre che con un nuovo staff tecnico. Abbiamo – continua Bonetti – dato tre giocatori e un allenatore alla Nazionale e questo ci conferma che stiamo facendo le scelte giuste. Continuiamo a impegnarci e a investire per competere al massimo, anche se non è facile. Il nostro obiettivo è uscire dal campo sempre a testa alta, sapendo di aver dato tutto. Stiamo per iniziare il quarto anno consecutivo di Serie A, un record per il basket bresciano, ma tuttavia non voglio far proclami, bensì solo pensare a salvarci in tranquillità e poi quello che verrà in più sarà sicuramente gradito”. Bonetti ha poi presentato i giocatori, coi nuovi arrivati Lansdowne, Cain, Guariglia, Horton e Koenig che si sono detti felici di essere a Brescia e di poter godere di un seguito importante come quello che si poteva vedere in piazza XXVII settembre. Ma la star è sempre lui, il capitano David Moss: “Abbiamo formato un bel gruppo, fatto di brave persone. Con loro, con questa carica e con lo spirito di oggi, credo che possiamo fare una stagione incredibile, anche grazie alla grinta e alle idee di Vincenzo Esposito e agli italiani impegnati in Nazionale” – ha dichiarato l’ex Siena e Milano.

È proprio il coach campano ha voluto precisare: “Ho visto gente che ha tanta voglia di lavorare. Questo deve darci fiducia e sicurezza nel nostro lavoro, anche quando ci saranno difficoltà, partiamo per toglierci tante soddisfazioni. Abbiamo passato una gran bella settimana, importante per mettere assieme la squadra. Su questo faccio i complimenti a tutta l’organizzazione, è stato un ritiro in cui ho visto quantità e qualità e ciò è una cosa rara e io di ritiri ne ho fatti tanti. Ciò è merito della società, del CFP Zanardelli e dei loro servizi, con ragazzi a servizio che oltre alla professionalità hanno mostrato simpatia, legando molto con i giocatori. Grazie anche a questi ultimi, che si sono ambientati al meglio anche se non è facile. Spero di ritrovare tanta gente, dalla città e non, a palazzo, dove credo potremo offrire un bello spettacolo”. Parole queste ribadite anche nella conferenza stampa di chiusura del ritiro camuno, a margine di un pranzo conviviale assieme agli sponsor. Qui si è sottolineata la sinergia tra CFP Zanardelli, Basket Brescia e Ponte di Legno, laddove l’esperienza serve anche ai ragazzi, tutti giovanissimi, addetti all’ospitalità nella struttura per formarsi e per affrontare nuove e future sfide professionali. Aspetto questo rimarcato anche da Marco Pardo, direttore della struttura. Insomma un entusiasmo dilagante, contagioso, che rende la giornata odierna non un addio ma un arrivederci.

C’è stato anche tempo per uno sguardo alle prossime settimane, che vedono Brescia impegnata in nuove amichevoli precampionato con un’arma in più, Brian Sacchetti: “Sacchetti si aggregherà a noi in maniera graduale – spiega coach Esposito -. A Lumezzane (giovedì sfida contro Torino, ndr), non è detto che giochi così come non è detto che giochi Koenig, arrivato in ritardo per motivi burocratici e quindi indietro nella preparazione”. Il tutto in attesa dei Nazionali: “Con Vitali, Abass e Sacchetti siamo in costante contatto. Non ho avuto moltissimo tempo per vederli giocare in maglia azzurra, ma loro sono informati sia sulla preparazione che devono seguire sia sul lavoro che stiamo facendo qua noi, e arriveranno a Brescia già con un’idea precisa di ciò che è stato svolto”.

La squadra tornerà ad allenarsi regolarmente martedì 3 settembre al PalaLeonessa nonostante i danni provocati alla struttura dai recenti temporali.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy