“Giovani ed ambiziosi” ecco la nuova Grissin Bon

Al lavoro la nuova Pallacanestro Reggiana, Della Valle rimane in biancorosso.

di Maurizio Rossi

Ha preso via quest’oggi la nuova stagione della Pallacanestro Reggiana che per il 6° anno consecutivo lo fa disputando la massima serie. Solita location ormai da svariati anni è il Circolo Equitazione di Reggio Emilia che ha accolto prima gli addetti ai lavori nella conferenza stampa di inizio anno, poi il conseuto bagno di folla nel giardino, dove i tifosi hano potuto scattare foto a chiedere autografi. Il più gettonato è stato certamente l’ultimo arrivato Siim-Sander Vene che ha attirato la curiosità di molti, vuoi per la sua stazza ma anche il capello biondo. Discorso diverso per Neveles che prima è rimasto un po in disparte ma poi è stato protagonista di un simpatico fuori programma andando nel campetto da basket e giocando con i ragazzini giunti al circolo.

Nella prima parte consueta conferenza stampa aperta dal vice presidente Paterlini che ha ringraziato tutti i presenti e si è detto innanzitutto felice di tornare a giocare in Europa, ma anche dei nuovi giocatori ed ha già coniato il nuovo slogan della squadra ” giovani ed ambiziosi”.
La palla poi è passata a Alessandro Della Salda a cui è toccato il compito di sciogliere definitivamente la telenovela dell’estate, Amedeo Della Valle rimane alla Pallacanestro Reggiana. Con questa situazione la società rimarrà con il 5+5 e visto la giovane età continuerà a concorrere per i premi destinati alle società che utilizzeranno gli atleti italiani ed anche under 23.

Il Direttore Sportivo Frosini ha ribadito che si dovrà partire dall’entusiasmo che questi ragazzi giovani sapranno portare in campo. Per quanto riguarda la campagna acquisti ha sottolineato che il ritorno di Mussini a Reggio è passato sotto silenzio ma lui crede che sarà un gran colpo. Come anche quelli di Candi e De Vico che assieme a Moser, Neveles e Vene porteranno una ventata di novità, senza contare che oggi non sono presenti Cervi e Della Valle che saranno l’asse portante della squadra.
Dulcis in fundus è toccato a Menetti chiudere, che si è dichiarato emozionato anche perchè è la prima volta che c’è la discontinuità e questo gli dà ancor maggior entusiasmo per iniziare la nuova stagione. Ha ringraziato i ragazzi che hanno accettato la nuova sfida perché dovranno mettere in campo “della sana follia” per formare un gruppo granitico,ma anche la società che ha permesso di metterlo in condizione di realizzare tutto ciò

 

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy