Happy Casa Brindisi-De’ Longhi Treviso, la sala stampa: le parole di Vitucci e Menetti

Happy Casa Brindisi-De’ Longhi Treviso, la sala stampa: le parole di Vitucci e Menetti

Il coach dei pugliesi non è rimasto soddisfatto della prestazione anche se poi elogia la difesa dei suoi ragazzi nel terzo quarto chiave di volta nel successo brindisino. L’allenatore dei veneti, invece, è soddisfatto dalla voglia messa in campo, anche se ai trevigiani manca ancora quel “killer instinct” per vincere partite importanti come questa.

di Marco Novello

Frank Vitucci (coach Happy Casa Brindisi): “Siamo molto contenti della qualificazione, un risultato di metà anno ottenuto meritatamente con sacrificio. Anche oggi, nonostante una Treviso oggettivamente rimaneggiata, ce lo siamo dovuti sudare con grande fatica. Non siamo soddisfatti di quanto espresso, e un po’ me l’aspettavo prima della palla a due. Queste sono le classiche partite complicate in cui magari non hai la stessa fame, motivazione e atteggiamento di altre volte e alla fine la paghi cara. Non sempre questi messaggi di preoccupazione, evidentemente non inutile come descritto da un giornalista di Treviso, vengono recepiti a dovere. Grazie a un terzo quarto difensivamente importante, siamo riusciti a svoltare e prendere il gap decisivo ai fini del risultato. La marcatura di Brown III su Logan ci ha dato una scossa emotiva e tattica. I miei assistenti me l’avevano saggiamente consigliato ma son voluto partire con i classici accoppiamenti all’inizio. John è stato molto bravo. È una vittoria fondamentale concludendo il 2019 nel migliore dei modi“.

 

Massimiliano Menetti (coach De’ Longhi Treviso): “Abbiamo giocato decisamente meglio rispetto alla partita con Sassari; grande ardore, tanta energia, tanta voglia di vincere, ma ci manca ancora quel pizzico di cattiveria nei momenti cruciali per costruire il delitto perfetto. Fra una settimana abbiamo la partita contro Varese, per noi è una partita davvero importante e dovremo trovare velocemente questa cattiveria, quando la acquisiremo diventerà tutto molto più facile. Non abbiamo perso per colpa di quelli che non c’erano perché non hanno giocato, speriamo che gli assenti recuperino in fretta; però al di là delle assenze i ragazzi questa sera hanno giocato più sereni e più tranquilli. Dobbiamo trovare ora la voglia e la cattiveria per rimanere in Serie A, non siamo lontani da trovare questa voglia perché tutto, soprattutto a livello di classifica, può cambiare in un attimo.”

 

Fonte: Ufficio Stampa Happy Casa Brindisi

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy