Il Media Day della Vanoli Cremona. Le parole dei cugini Diener

Durante il media day, Trevis Diener e Drake Diener hanno espresso i loro pensieri sulla nuova avventura che li attende

di Riccardo Vecchia

La Vanoli Cremona ha incontrato i tifosi e la stampa durante il media day organizzato presso la Canottieri Flora.

Il Media day è stata l’occasione per raccogliere le impressioni di due giocatori cardine della nuova Vanoli Cremona di coach Sacchetti ossia i cugini Trevis e Drake Diener

 

Drake Diener

Lo scorso anno a Capo D’Orlando una grande atmosfera vi ha portato a costruire una ottima stagione. Pensi che quest’anno Cremona possa fare altrettanto?

” Sarebbe bello poter ripetere la stagione dello scorso anno con la Vanoli. A Capo D’orlando abbiamo trovato una grande chimica di squadra che ci ha portato a ottimi risultati. Dovremo essere bravi a costruire un gruppo solido e unito per cercare di giocare una pallacanestro di squadra che poi ci potrà portare a diverse vittorie”.

Lo scorso anno sei sempre stato fisicamente in forma. Come ti senti quest’anno? 

”  Due anni fa ho avuto qualche problema fisico, lo scorso anno è andato tutto bene, sinceramente spero di poter rendere fisicamente come a Capo D’Orlando. Sono fiducioso, rispetto a due anni fa ho maggiore esperienza nella gestione di acciacchi o infortuni e spero di poter essere pronto a gestire eventuali problemi fisici”.

Cosa ti aspetti dal ritorno del trio Sacchetti e cugini Diener. In particolare come valuti il ritorno di Trevis dopo 3 anni di inattivitá?

”  Mi aspetto che giocheremo una pallacanestro di squadra come vuole Sacchetti; l’obiettivo sarà muovere la palla in maniera molto veloce in modo tale da coinvolgere tutti i giocatori in campo. Io e Trevis non siamo più giovani e quelli dei tempi di Sassari, quindi ci occuperemo maggiormente di mettere in ritmo i compagni. Il nostro obiettivo sarà metterci a disposizione del coach per aiutare la squadra a vincere. Non abbiamo giocatori egoisti che monopolizzano il gioco, ognuno disporrà dei propri spazi per sfruttare al meglio le sue caratteristiche” .

Conosci molto bene Sacchetti e il suo tipo di gioco e la squadra sembra perfetta per i suoi schemi. Pensi di poter essere quel giocatore in grado di aiutare gli altri a calarsi nella filosofia del coach?

” Si certo, oltre a conoscere molto bene gli schemi di Sacchetti ho maturato tanta esperienza che mi permetterà di calarmi in una realtà nuova come questa. Coach Sacchetti offre libertà e spazio a tutti i suoi giocatori ma non basta per fare bene; la mia esperienza dovrà essere utile agli altri per capire come sfruttare al meglio questa libertà, cercando di non giocare da egoisti ma al contrario di giocare per la squadra. Il gioco di squadra dovrà essere la nostra arma “.

Vanoli Cremona 2017/2018

Trevis Diener

Un grande ritorno dopo tre anni dall’ultima partita giocata a Sassari. Perché? E perché proprio Cremona?

” È molto semplice, mi mancava davvero tanto giocare, amo la pallacanestro e in questi anni ho maturato il desiderio di tornare in campo. Ho scelto Cremona perché in estate mio cugino Drake ha firmato qui e anche Sacchetti è diventato head coach. Ho capito che poteva essere la situazione ideale per tornare a giocare dopo diverso tempo visto l’ottimo rapporto che abbiamo. Sono davvero carico per questa nuova avventura.”

Alla luce di questi tre anni di inattività pensi che dovrai modificare il tuo gioco oppure sei sempre lo stesso giocatore con lo stesso modo di giocare?

” Questa è una domanda difficile, non saprei risponderti adesso. La mia speranza è quella di essere lo stesso giocatore, sono più forte mentalmente e fisicamente sto bene ma ho 35 anni e quindi non sarà facile giocare come un tempo. Quello che sicuramente posso fare è metterci tanto cuore e tanta passione per cercare di giocare al meglio possibile”.

Una squadra costruita con tanti potenziali realizzatori. Quale pensi sarà il tuo ruolo?

” Sono un playmaker quindi il mio compito sarà quello di innescare nel migliore dei modi tutti i miei compagni. Siamo una squadra completa quindi tutti possono fare bene ed essere utili. Cercherò di essere un leader e guidare il gruppo in campo”.

Sacchetti e i cugini Diener hanno rappresentato una parentesi importante nella storia del basket italiano. Pensi che questo trio possa riproporre a Cremona la stessa magia di un tempo?

” Lo spero davvero, a Sassari abbiamo avuto grande successo, coach Sacchetti ci lasciava liberi di esprimerci e noi giocavamo divertendoci. Penso che potremo fare bene se ripartiremo con quella precisa mentalità. So che l’anno scorso è stato un campionato difficile per la Vanoli, la speranza è quella di regalare ai tifosi soddisfazioni e divertimento.”

Obiettivi personali e di squadra?

” Personalmente il mio obiettivo è quello di rimettermi e restare in forma per tutta la stagione. Voglio giocare al massimo e per farlo devo essere in uno stato di forma  perfetto. Per quanto riguarda la squadra credo sia ancora un po’ presto prefissarci degli obiettivi; dobbiamo conoscerci bene e dobbiamo ancora giocare insieme, per ora posso solo dire che dobbiamo puntare a crescere e a vincere una partita alla volta”.

Ecco il link alla Photogallery del Media Day di Matteo Casoni:

Photogallery Media Day Vanoli Cremona

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy