Junior Casale – Dinamo Sassari: parola ai due presidenti

0

E’ un Presidente Cerruti molto determinato quello che si presenta al colloquio telefonico con i giornalisti per tracciare un bilancio della prima parte della stagione, la prima in serie A. Non certo soddisfatto dell’ultimo posto guarda in maniera positiva il prosieguo della stagione e chiede uno sforzo alla città e al territorio affinché le prossime 16 partite siano sedici finali in cui i propri giocatori sospinti dal pubblico sappiano conquistare una permanenza nella massima serie quanto mai sudata e agognata nei precedenti cinque anni.

Il noviziato in serie A è stato forse lo scotto da pagare in alcune sconfitte, partite comunque, come ha sottolineato il Presidente, combattute fino alla fine, e che in alcuni casi, la sfortuna di un tiro sul ferro, come non ricordare Cremona o Roma in casa ad esempio avrebbero potuto tracciare una classifica diversa. E anche per questo motivo che è stata riaperta la campagna abbonamenti a prezzi ridotti perché il Presidente vuole sentire il calore della propria gente, che possa stimolare il gruppo a rendere quel qualcosa in più

Contento dell’innesto di Stevic e Shakur, quest’ultimo ha aggiunto classe e sicurezza che faranno del bene a Casale nel ritorno, dopo le naturali congratulazioni al collega Brunaro di Venezia per aver ottenuto al qualificazioni alla Final Eight, Cerutti ha avuto parole sull’organizzazione del basket in Italia chiedendo a federazione e media di crederci di più, in un momento di crisi di valori nel calcio è un bene che sport come il basket possano essere da traino. Ma anche la televisione deve dare più spazio

E ora cominciamo a giocare la prima di queste sedici finali, quella in posticipo domenica sera contro Sassari.

La Junior arriva alla partita contro Sassari senza l’infortunato Oluoma Nnamaka, ma con un nuovo giocatore in squadra, il bosniaco (passaportato sloveno) Jamin Hukic.
Probabile quindi che il quintetto iniziale della Junior sia quello già utlizzato contro Roma da Marco Crespi, con Chiotti, Martinoni, Temple, Janning e Shakur.

 

Da Sassari in settimana ha parlato anche il presidente della Dinamo, Stefano Sardara e, trovandosi sulla stessa lunghezza d’onda del presidente della Junior, ha dichiarato di apprezzare molto il modo di lavorare della società piemontese: “E’ troppo facile chiamare giocatori forti, promettere un sacco di soldi e poi non mantenere gli impegni. Così io che sono corretto magari retrocedo con la soddisfzione di essere sano economicamente.”
Parla invece di basket giocato l’allenatore dei sardi Meo Sacchetti, che in questo venerdì pomeriggio ha dichiarato che nella trasferta di Casale non dovranno dare nulla per scontato, Casale è una squadra in salute, come qualsiasi squadra che riesca a perdere di soli due punti all’ultimo tiro del supplementare su un campo difficile come quello di Siena.
La Dinamo arriva dalla splendida vittoria del PalaSerradimigni contro Caserta ei si affiderà al quintetto T. Diener, D. Diener, Hosley, Plisnic e Easley sotto canestro.

Sempre di più per la Junior sarà fondamentale prendere un grande vantaggio ad inizio partita, per evitare finali in volata che già tante volte quest’anno hanno avuto esito negativo, ci si aspetta dunque i rossoblu subito caldi che cercheranno di mantenere i sardi a distanza di sicurezza.

Inizio della partita domenica alle ore 20:30, al PalaFerraris di Casale Monferrato, e per la prima volta in Serie A per la Junior Casale diretta su Rai Sport.

Pronostico di basketinside: Casale 50% – Sassari 50%.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here